Sindaco di Casapesenna cede alle minacce dei Casalesi: dimissioni

By | 4 dicembre 2017

Non è semplice amministrare certi Comuni italiani a causa della malavita e della criminalità. Ne è consapevole Marcello De Rosa, sindaco di Casapesenna, Comune in provincia di Caserta. Il primo cittadino ha deciso di dimettersi perché teme per l’incolumità dei suoi familiari. Casapesenna è infatti sottoposto alla pressione del clan dei Casalesi, che detta le sue leggi e non ammette obiezioni. Sabato scorso, 2 dicembre 2017, il fratello di Marcello De Rosa, è stato minacciato da 3 persone col volto coperto e armate.

Luigi De Rosa a tu per tu coi camorristi

Dopo aver meditato a lungo, il sindaco di Casapesenna ha scelto di rassegnare le dimissioni. Non può mettere in pericolo i suoi fratelli. Marcello De Rosa ha così ceduto alle intimidazioni della criminalità.

Luigi De Rosa, fratello di Marcello, era a bordo della sua vettura, sabato scorso, e all’improvviso si è trovato davanti a 3 soggetti col viso coperto e armati. Il trio gli avrebbe detto: ‘Devi dire a tuo fratello che se ne deve andare dal Comune’.

Prima di andarsene, uno dei tre malavitosi avrebbe sparato un colpo contro la Fiat Panda di Luigi De Rosa. Uno dei finestrini è andato in frantumi.

Una lunga riflessione

Forse, quello appena passato, è stato uno dei fine settimana più duri per Marcello De Rosa. Ha riflettuto a lungo sulla sua vita, sulla sua professione e sui suoi cari. Alla fine si è dimesso, ha seguito l’avvertimento dei criminali.

‘Non ho paura del clan ma non posso mettere in pericolo l’incolumità dei miei familiari. Per questo, per ora, ho deciso di lasciare. Le mie dimissioni sono irrevocabili’, ha dichiarato il sindaco di Casapenna, che ora ha 20 giorni per ripensarci.

Sindaco di Casapesenna sotto scorta dal 2016

Marcello De Rosa vive sotto scorta dal 2016, dopo aver subito una rapina. Alcuni delinquenti si erano introdotti nella sua villa ed avevano rubato molti oggetti. Prima di darsi alla fuga, i delinquenti avevano sequestrato Marcello, la moglie e le due figlie per circa un’ora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *