Sindaco di Torre del Greco arrestato per corruzione

By | 7 agosto 2017

Torre del Greco, sindaco arrestato per corruzioneCiro Borriello, sindaco di Torre del Greco, è stato arrestato nelle ultime ore dai militari della Guardia di finanza. Oltre al primo cittadino del Comune napoletano, i finanzieri hanno messo in manette due imprenditori di Torre del Greco e alcuni rappresentanti dell’azienda F.lli Balsamo. Ad emettere le ordinanze cautelari è stato il gip, su richiesta della Procura di Torre Annunziata. Gli uomini della Gdf di Torre del Greco, dopo numerose indagini, pedinamenti e riprese hanno accertato diversi reati, ovvero truffa ai danni di ente pubblico, falsità in atto pubblico, corruzione di pubblico ufficiale per atti contrari ai doveri d’ufficio. A beneficiare dell’atteggiamento del sindaco Borriello sarebbe stata la ditta di Massimo e Antonio Balsamo, che opera nel campo dei rifiuti. Dalle indagini si è scoperto che la suddetta ditta avrebbe accantonato ‘fondi neri’ da corrispondere al sindaco di Torre del Greco ed indurlo a compiere atti contrari ai propri doveri d’ufficio. Una brutta storia di corruzione e mazzette a Torre del Greco, una storia che è solo agli inizi, visto che le persone finite in manette devono ancora essere sottoposte all’interrogatorio di garanzia.

I loschi incontri in luoghi solitari tra Borriello e gli imprenditori

loading...

Ciro Borriello e i rappresentanti della ditta campana si sarebbero incontrati più volte in zone solitarie, lontano dal caos, per la consegna del denaro, dei ‘fondi neri’. Il sindaco intascava denaro per favorire la ditta, compiendo così atti contrari ai doveri del proprio ufficio. I finanzieri hanno documentato i loschi ‘meeting’ tra Borriello e gli imprenditori mediante intercettazioni ambientali e riprese video. Il comportamento del primo cittadino di Torre del Greco è stato ritenuto fraudolento, inoltre, perché sarebbe stata sancita la decadenza dell’azienda a cui originariamente era stato assegnato il servizio per fare largo alla ditta Balsamo. Le persone arrestate potranno replicare in occasione dell’interrogatorio di garanzia.

L’endorsement a Matteo Salvini

Tante tangenti intascate dalla ditta dei rifiuti. Mazzette per favorire una ditta. Questo è il motivo per cui, nelle ultime ore, è stato arrestato il sindaco di Torre del Greco. La ditta Balsamo è molto conosciuta nel settore dei rifiuti. La Procura di Torre Annunziata ha dichiarato che ‘la somme sarebbero state consegnate nel corso di incontri mensili che avvenivano in luoghi appartati, privi di copertura di cellulari, mediante passaggi da un’auto all’altra’. Ciro Borriello era stato eletto sindaco di Torre del Greco nel 2014 e recentemente si era dimesso. Uomo di centrodestra, Borriello ha recentemente manifestato una certa simpatia per Matteo Salvini e le sue idee. Non è un caso, dunque, che il primo cittadino di Torre del Greco abbia partecipato, lo scorso marzo, al comizio campano del leader della Lega Nord. Il primo cittadino aveva più volte espresso il suo appoggio a Salvini anche su Facebook. Ad amministrare Torre del Greco, adesso, è il vicesindaco Romina Stilo.

Quando venne eletto sindaco di Torre del Greco, Borriello faceva parte di una coalizione di centrodestra; poi iniziò il suo endorsement a Salvini. Proprio l’ex primo cittadino del Comune campano aveva detto: “Chi può non essere d’accordo con lo slogan di Salvini ‘Prima l’Italia e prima gli italiani’? Condivido molte delle sue idee e non nascondo la possibilità di un’adesione al suo movimento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *