Sottomarino scomparso in Argentina: scaduto il tempo per ritrovare l’equipaggio

By | 1 dicembre 2017

‘Sono finite le speranze’. Lo ha detto di recente il portavoce Marina Militare argentina in riferimento al sottomarino scomparso. Sarebbe scaduto il tempo per ritrovare i 44 componenti dell’equipaggio. Il sottomarino San Juan era scomparso un paio di settimane fa nelle acque dell’Atlantico del Sud. E’ stato superato dunque il tempo per ritrovare l’equipaggio, previsto dai protocolli internazionali. Enrique Balbi, portavoce dalla Marina Militare argentina, ha affermato che è stato già ampliato di oltre il doppio il numero dei giorni necessari al ritrovamento.

Necessario localizzare il sottomarino

‘Il ministro della Difesa e la Marina Militare argentina hanno fatto sapere che andranno avanti con la fase successiva, che prevede il recupero del sottomarino San Juan’, recita il comunicato diffuso da Balbi.

E’ necessario individuare il sottomarino per avere un quadro completo della vicenda, per ricostruire la dinamica di un dramma.

Non si è esclude alcuna ipotesi attualmente, anche se quella dell’esplosione all’interno del sottomarino è la più accreditata. Perché si sarebbe verificata un’esplosione nel sottomarino?

Il cortocircuito e l’incendio

Sembra che dal sottomarino fosso stato inviato un messaggio in cui si faceva presente un cortocircuito a bordo e lo scoppio di un incendio.

L’Argentina è stata aiutata da almeno 18 nazioni nelle operazioni di ritrovamento del San Juan e soccorso dell’equipaggio. Le ricerche, però, sono state infruttuose. Non è stato trovato nulla dopo la perlustrazione di una vasta area.

Il sottomarino era partito dalla punta meridionale del Paese, nei pressi di Ushaia, a Mar del Plata.

I parenti dei membri dell’equipaggio vogliono risposte

Che fine ha fatto il San Juan? Il sottomarino venne costruito negli anni ’80 in Germania. Nel 2014 era stato sottoposto a un restyling.

I familiari dei membri dell’equipaggio adesso vogliono risposte, vogliono anche  informazioni sull’età e le condizioni del San Juan.

Il capitano del sottomarino avrebbe comunicato un cortocircuito a bordo, dovuto forse all’acqua entrata nel boccaglio.

La scorsa settimana, un’organizzazione internazionale e gli Usa hanno rilevato il suono dell’esplosione proprio nella zona dove si sarebbe dovuto trovare il sottomarino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *