Cronaca

Stalker libero dopo arresto, chiama vittima e dice: ‘Ho vinto io’

Stalker libero, telefonata alla vittima: 'Ho vinto io'Dopo il danno pure la beffa. Una 39enne e sua madre, 63 anni, sono state perseguitate per molto tempo da un 68enne, ex compagno della 39enne. L’uomo recentemente era stato arrestato per stalking ma, stranamente, subito rimesso in libertà. Il fatto è avvenuto a Milano. L’uomo, contento per essere tornato nuovamente libero, aveva subito chiamato la sua vittima, dicendole: ‘Sono fuori, ho vinto io’. La 39enne e la 63enne, così, erano piombate nuovamente nel mirino dello stalker 68enne, un uomo con precedenti penali, sempre per stalking. Le due donne, sottoposte nuovamente ad aggressioni fisiche e verbali, avevano sporto nuovamente denuncia e per l’uomo, martedì scorso, erano scattate nuovamente le manette. Si trovava in via Gran San Bernardo e stava tallonando la 63enne. Il 68enne è stato arrestato così due volte in meno di una settimana. Un record. Sembra che l’uomo non accettasse la fine della storia con la 39enne.

Non accettava la fine della relazione

‘Sono fuori, ho vinto io’. Parole che avevano fatto trasalire due donne milanesi, due perseguitate dal pregiudicato che non aveva nessuna intenzione di lasciarle stare. La 39enne non voleva più saperne di quel tipo, troppo ossessivo e violento; lui, però, non ammetteva l’allontanamento. Non voleva separarsi dalla giovane compagna. Le due donne, così, subivano spesso aggressioni fisiche e verbali dal pregiudicato. La loro vita era diventata un ‘inferno’, finché non avevano deciso di chiedere aiuto alle forze dell’ordine.

Lo stalker milanese era stato rimesso in libertà, dopo l’arresto, ma gli era stato imposto di non avvicinarsi ai luoghi frequentati dalle due donne e alla loro abitazione. Il 68enne non aveva rispettato tale divieto ed era tornato ad offenderle e pedinarle. Ecco allora il secondo arresto. Gli agenti lo avevano beccato proprio mentre pedinava la 63enne.

L’ufficio stalking di Milano

Una storia allucinante quella che viene da Milano, che fa riflettere su quanto sia diffuso lo stalking in Italia. Non è un caso che sia stato costituito, nel capoluogo lombardo, l’ufficio stalking. Si tratta di un centro dove le vittime di stalking possono ricevere supporto e consigli. Statistiche internazionali dicono che spesso tale reato è sottovalutato; non vengono presi in considerazione, in sostanza, gli effetti sulle vittime. Nell’ufficio stalking di Milano non lavorano solo criminologi, ma anche avvocati, psicologi ed educatori. Si tratta, dunque, di un centro multidisciplinare, che vuole essere d’aiuto sia per le vittime dello stalking che per i persecutori, perché anche questi, ovviamente, hanno problemi seri. Le vittime di stalking hanno quasi sempre bisogno di un sostegno psicologico.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.