Steward rompe bottiglie di vino in testa a un passeggero

By | 9 luglio 2017

Steward rompe bottiglia in testa al passeggero agitatoDurante i voli non sono infrequenti episodi curiosi, come discussioni accese tra gli assistenti di volo e i passeggeri o animali pericolosi a bordo. Quello che è accaduto recentemente su un volo Delta Airlines, da Seattle a Pechino, è veramente incredibile. Un passeggero di prima classe aveva cercato di aprire il portellone d’emergenza dell’aeromobile ma era stato notato dagli assistenti di volo. L’uomo è diventato aggressivo e si è scagliato contro gli steward. Uno di questi, per contenere il passeggero furioso, ha preso una bottiglia di vino e gliel’ha rotta in testa. Secondo le ultime informazioni, il passeggero agitato, un 23enne, è stato immobilizzato dagli assistenti di volo ed altri passeggeri fino all’atterraggio. Un portavoce dell’aeroporto Seattle-Tacoma ha dichiarato che, dopo l’atterraggio, lo steward e il passeggero iracondo sono stati condotti in ospedale.

Lo steward non ha avuto altra scelta

Un comunicato della Delta recita: ‘Il passeggero è stato trattenuto a bordo e poi fatto uscire dalle forze dell’ordine senza ulteriori incidenti’. Sul caso è stata aperta un’inchiesta. Il velivolo era ormai sopra le nuvole quando il passeggero 23enne aveva tentato di aprire la porta d’emergenza. Un agente dell’FBI ha rivelato, nelle ultime ore, che lo steward non ha avuto altra scelta e, immediatamente, ha scagliato le bottiglie di vino sulla testa di Joseph Daniel Hudek IV. Questo, a quanto pare, aveva discusso vivacemente, in precedenza, con altri passeggeri. Hudek, originario di Tampa, in Florida, è comparso già davanti a i giudici per riferire sull’increscioso episodio avvenuto in volo. Aveva un livido sotto l’occhio destro.

Il passeggero agitato rischia fino 20 anni di carcere

Le autorità americane hanno dichiarato che l’arresto di Joseph Daniel Hudek IV risale a giovedì scorso. L’atteggiamento sconsiderato dell’uomo ha imposto al pilota di ritornare all’aeroporto internazionale di Seattle-Tacoma. Nel corso dell’interrogatorio dinanzi ai magistrati, il 23enne si è rifiutato di parlare. Non ha rilasciato commenti neanche il suo avvocato difensore, Robert Flennaugh II. Il passeggero frenetico resterà sotto custodia almeno fino alla prossima audizione per la detenzione. Il ragazzo è accusato di aver ostacolato l’attività del personale di bordo e perciò rischia una condanna fino a 20 anni di carcere e una multa di 250.000 dollari.

Perry Cooper, portavoce dell’aeroporto di Seattle, ha riferito che le ferite riportate dallo steward non sono gravi. ‘Hudek aveva chiesto una birra a uno steward, prima del decollo. La sua richiesta era stata accolta. Non aveva mostrato nessun segno di euforia o intossicazione e non aveva chiesto altre bevande alcoliche’, ha rivelato alle autorità lo steward che ha rotto le bottiglie di vino in testa a Hudek.

L’aereo era decollato da circa un’ora e si trovava sull’Oceano Pacifico quando il passeggero 23enne, all’improvviso, aveva tentato di aprire il portellone d’emergenza. Due assistenti di volo avevano notato lo strano atteggiamento di Hudek, bloccandolo immediatamente. Lui, adirato, li aveva colpiti. Gli steward, allora, hanno chiesto aiuto ad alcuni passeggeri. A un certo punto, un assistente di volo ha preso le bottiglie di vino e le ha rotte in testa al 23enne. Sembra che Hudek non abbia sentito dolore quando gli è stata rotta la prima bottiglia in testa; anzi avrebbe detto allo steward: ‘Sai chi sono?’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.