Cronaca

Stilista impiccata a Milano: perché i piedi di Carlotta poggiavano a terra?

Inquirenti non escludono nessuna ipotesi

E’ giallo, a Milano, sulla morte di Carlotta Benusiglio, 37enne trovata impiccata in un parco, a piazza Napoli, lo scorso 31 maggio. In un primo momento, gli investigatori avevano pensato a un suicidio ma un dettaglio li ha portati a ricredersi. Perché i piedi di Carlotta poggiavano a terra? Sembra proprio che qualcuno l’abbia appesa all’albero. Non è esclusa nessuna ipotesi. Gli inquirenti stanno cercando di ricostruire la vita della donna che, a quanto pare, si era lasciata da poco con il fidanzato. La storia d’amore tra la Benusiglio e l’ex fidanzato era alquanto tormentata: sembra che lei si fosse recata più volte in ospedale per le ferite riportate durante accesi diverbi. Il compagno di Carlotta, insomma, era molto violento. Gli investigatori dovranno verificare se ci sia un nesso tra la morte della 37enne e la sua relazione con l’uomo violento che, secondo le prime indiscrezioni, aveva problemi di droga.

Letto disfatto e radio ad alto volume in casa

C’è qualche legame tra il decesso di Carlotta e la tormentata storia d’amore con quell’uomo che la 37enne aveva lasciato da poco? La Benusiglio era una nota stilista nonché sorella di Giorgia, donna che sfiorò la morte per una pasticca di ecstasy e che ha raccontato la sua storia nel libro “Vuoi trasgredire? Non farti!”. Sarà l’autopsia a permettere di fare luce su una vicenda che attualmente presenta molte zone d’ombra. Una volta entrati nella casa della stilista, gli agenti hanno trovato molto disordine, il letto disfatto e la radio accesa, ad alto volume. Acceso anche il pc. Perché Carlotta è uscita subito e non è tornata più? Qualcuno l’ha chiamata? Certo, gli investigatori non possono non prendere in considerazione il fidanzato di Carlotta, uomo brutale che aveva picchiato più volte la stilista, costringendola a recarsi al Pronto soccorso. La 37enne aveva trovato anche la forza di denunciare il compagno.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.