Taranto, anziana aggredita in ospedale: morte cerebrale

By | 9 agosto 2017

Taranto, anziana colpita alla testa da un quarantenneI medici dell’ospedale Santissima Annunziata di Taranto hanno dichiarato la morte cerebrale della 74enne che, ieri sera, era stata colpita alla testa da un uomo. L’aggressore, un quarantenne coi capelli lunghi e ricci, è attualmente ricercato. Non si sa se si tratti di una persona che conosceva la donna o di un folle. Le forze dell’ordine stanno lavorando alacremente per assicurare l’uomo alla giustizia. L’anziana aveva accusato un malore ed era stata condotta al Pronto soccorso dalla badante e dalla figlia. Mentre si trovava sulla barella, quell’uomo l’ha colpita violentemente alla testa con un oggetto contundente ed è fuggito. La 74enne ha riportato un grave trauma cranico. Le sue condizioni sono gravissime. La domanda ora è: perché quell’uomo ha compiuto un gesto simile?

Anziana in attesa di una visita: aveva avuto un malore

La 74enne di Taranto era in attesa di essere visitata, sulla barella, presso il nosocomio Santissima Annunziata. Vicino a lei la figlia e la badante. Improvvisamente, le si è avvicinato quel quarantenne e le ha sferrato un colpo forte alla testa con un punteruolo. Un’azione violenta in un luogo che, generalmente, è considerato sicuro. Invece no. L’aggressore non è stato fermato da nessuno ed è riuscito a darsi alla fuga agevolmente. Alcuni testimoni hanno riferito di aver notato un soggetto alquanto ansioso e frenetico nelle corsie ospedaliere. Forse l’aggressore era proprio lui. Fatto sta che ora una donna è in fin di vita e il suo aggressore è in libertà.

L’identikit dell’uomo che ha colpito l’anziana è stato ricostruito grazie alla testimonianza delle persone che si trovavano nei paraggi del luogo dell’aggressione e ai filmati ripresi dalle telecamere di videosorveglianza. Sembra che la signora abbia riportato una grave lesione all’osso temporale destro. I poliziotti, in queste ore, hanno portato in Questura un indiziato ma ancora non sono stati diffusi comunicati ufficiali.

L’aggressore era molto agitato

Secondo fonti Asl, la settantenne era vigile quando era arrivata al Pronto soccorso. Probabilmente sarebbe stata dimessa nel giro di qualche ora. Invece è arrivato quell’uomo che, per ragioni da verificare, l’ha ferita alla testa. I medici dell’ospedale di Taranto hanno definito ‘disperate’ le condizioni della donna ed ora stanno valutando se sottoporla a un nuovo intervento chirurgico. Una decisione verrà presa sicuramente entro domani mattina.

Gli inquirenti hanno scoperto che l’aggressore era stato registrato in ospedale prima dell’aggressione, ma dopo il triage (ovvero la procedura con cui si assegna il codice di priorità al paziente) si era dileguato. I testimoni parlano di un soggetto molto agitato. Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Maria Grazia Anastasia, proseguono. Fondamentali per ricostruire la dinamica della vicenda saranno i filmati immortalati dalle telecamere di videosorveglianza collocate in diversi punti del nosocomio del capoluogo ionico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.