Tassista abusivo vuole stuprarla, suona il clacson e si salva

By | 1 ottobre 2017

Milano, suona clacson ed evita stuproMomenti da incubo per una sudamericana ventenne che a Quarto Oggiaro (Milano) stava per essere stuprata da un tassista 50enne. La ragazza, a quanto pare, era salita sul taxi, credendo che fosse legale, invece si trattava di uno dei tanti taxi abusivi che cercano, slealmente, di sottrarre clienti ai tassisti regolari. L’uomo, un cinquantenne, a un certo punto ha cercato di violentare la sudamericana. Questa, terrorizzata, lo ha respinto, riuscendo poi a suonare il clacson. Il suono insistente ha richiamato l’attenzione di diverse persone, subito accorse in aiuto della ventenne. Il tassista abusivo ha messo in moto e si è dato alla fuga, lasciando poi sulla strada la giovane. La fuga dell’uomo è durata poco, poiché le forze dell’ordine lo hanno trovato e arrestato. Secondo le ultime informazioni, la ragazza aveva trascorso una serata in discoteca ed era salita sul taxi abusivo per tornare a casa. Il conducente, all’improvviso, avrebbe iniziato a palpeggiarla e molestarla. Lei, intimorita, ha cercato di respingerlo, suonando il clacson e richiamando l’attenzione dei residenti.

Milano: escalation di stupri

Se non fosse riuscita a suonare il clacson di quella vettura, chissà come sarebbero andate le cose? Forse la sudamericana sarebbe stata stuprata, come è accaduto recentemente a una turista canadese, sempre a Milano. Invece alla ventenne è andata bene, anche se ha vissuto momenti terribili. Pensava di non riuscire a liberarsi da quel tassista abusivo che le metteva le mani su tutto il corpo. Un fatto terribile a Quarto Oggiaro, periferia di Milano.

Nel momento in cui la ventenne aveva premuto il clacson, un gruppo di uomini era corso in suo aiuto, cercando di bloccare il tassista abusivo. Questo, però, era riuscito a darsi alla fuga con la sua Lancia Delta blu. La ragazza, ancora ubriaca, quando erano arrivati gli agenti aveva narrato cosa era accaduto e subito quelle parole avevano rievocato lo stupro avvenuto pochi giorni prima, sempre a Milano, sempre commesso da un tassista abusivo.

Alcuni residenti, a Quarto Oggiaro, si erano allarmati quando avevano sentito suonare con insistenza quel clacson, nel cuore della notte. Qualcuno si era affacciato e subito aveva capito cosa stava accadendo. Diversi uomini, dunque, erano scesi per salvare la ragazza.

Tentato stupro a Milano: il racconto di un testimone

‘Qualcuno aveva una mazza, uno un cacciavite, hanno spaccato il vetro posteriore della Delta, poi il finestrino; credo siano riusciti a picchiare l’uomo con un paio di pugni in faccia mentre lui cercava di mettere in moto. Il violentatore è riuscito a rimettersi al volante e a trattenere la ragazza dentro con sé, tirandola per i capelli; poi è scappato’, ha raccontato un testimone.

Secondo le prime indiscrezioni, il tassista abusivo arrestato nelle ultime ore è sudamericano come la ragazza che stava per stuprare.

Nei giorni scorsi, sempre a Milano, una turista canadese di 30 anni doveva raggiungere la stazione degli autobus di Lampugnano ed aveva accettato l’invito a salire da un uomo che si era presentato come dipendente di una ditta di autonoleggio con conducente. Lei non conosceva lei vie di Milano, quindi non si era accorta che quell’uomo non la stava portando a destinazione. Dopo essersi fermato in una zona appartata, vicino al parco Lambro, il tassista abusivo aveva fatto scendere la canadese dalla sua vettura e l’aveva stuprata, come se non fosse nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *