Cronaca

Tatuaggio all’henné devasta pelle di una bimba inglese

UK, braccio lesionato da tatuaggio all'hennéUna bimba di 7 anni ha riportato gravi ustioni, cicatrici e bolle sulla pelle dopo essersi fatta un tatuaggio all’henné in Egitto, durante una vacanza con i suoi genitori. Madison Gulliver si trovava in un hotel di Hurghada quando il padre le aveva permesso di farsi il tattoo temporaneo, un disegno che partiva dalle dita e terminava al gomito. La ragazzina era contenta ma, poco dopo, aveva iniziato ad accusare un forte prurito nella zona dove era stato realizzato il tatuaggio all’henné. Il prurito era diventato dolore insopportabile. Sul braccio della piccola Gulliver erano comparse moltissime bolle e bruciature. I genitori, impauriti, l’avevano subito portata all’ospedale per lenire le ferite. I medici subito si erano resi conto che quel tattoo all’henné aveva causato danni al braccio della piccola.

Le cicatrici sul braccio di Madison

Il papà di Madison, un manager inglese, ha riferito recentemente che alla figlia è costato veramente caro quel tatuaggio nero all’henné fatto in Egitto. Adesso la bimba ha cicatrici sul braccio. ‘Il tatuaggio è stato fatto nel salone dell’albergo ma i tatuatori sostengono che il terribile rush cutaneo non è stato dovuto all’henné ma alla pelle di mia figlia. Madison ora ha tante bolle, dalle dita al gomito, e sente tanto dolore’, ha rivelato il signor Gulliver.

Il servizio sanitario britannico sottolinea che i tatuaggi neri all’henné possono essere pericolosi per via delle sostanze chimiche utilizzate, spesso altamente tossiche e vietate per l’utilizzo sulla pelle.

I genitori di Madison non erano completamente consapevoli dei rischi che si nascondono dietro i tatuaggi all’henné e ritengono che le brochure dovrebbero menzionarli. ‘Credo sia in parte colpa mia, perché non ero al corrente della pericolosità, ma anche colpa del salone perché usano sostanze chimiche pericolose sui bambini’, ha dichiarato il padre della bambina inglese.

Creme e pomate, poi la rimozione delle bolle

Madison si stava divertendo con i genitori e con il fratello Sebastian, 9 anni, in Egitto, ma quel tattoo aveva rovinato tutto. Anche Sebastian aveva deciso farsi un tatuaggio, ma non appena aveva sentito un certo prurito aveva detto al tatuatore di fermarsi e rimuovere immediatamente il disegno. Madison, invece, aveva iniziato a lamentarsi molte ore dopo, quando il tatuaggio era stato ultimato. Troppo tardi.

Sul braccio della ragazzina britannica erano state applicate tante creme e pomate ma nessuna si era rivelata efficace. I medici, allora, avevano deciso di rimuovere le bolle per accedere facilmente alla pelle bruciata. Adesso il braccio di Madison è pieno di bende. Dovranno passare molti mesi per una completa guarigione. Sul braccio ci sono tante cicatrici. Tutto per colpa di un banale tatuaggio all’henné.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.