Terremoto, emergenza bestiame a Norcia: animali morti

By | 31 ottobre 2016

Il terremoto che ha colpito ieri il Centro Italia, particolarmente paesi come Norcia e Preci, ha causato molti danni. Tanti gli sfollati. Purtroppo il numero delle persone senza casa è elevato. Lo Stato, adesso, deve fare la sua parte. In ginocchio anche gli allevatori di Norcia che, stamani, hanno chiesto informazioni e aiuto al centro operativo comunale della Protezione Civile.

Tanti allevatori di Norcia vogliono liberarsi del bestiame

Molte stalle e ricoveri sono crollati dopo il terremoto di ieri e, specialmente a Norcia, sono morti molti animali. Un danno ingente per gli allevatori che, adesso, non sanno più che fare. Il sisma ha creato seri problemi, dunque, anche al bestiame che, da molte ore, è lasciato allo sbando. Nessuno si sta prendendo più cura di mucche e ovini, inoltre molte bestie sono state trovate morte tra le macerie. La veterinaria della Asl, Fernanda Sammarone, ha dichiarato che le strutture hanno ceduto, travolgendo gli animali.  Molti sono morti, altri sono in vita ma rischiano di morire se, nelle prossime ore, non verranno aiutati.

La Sammarone ha anche sottolineato che gli allevatori di Norcia sono stanchi: molti di essi vogliono liberarsi del bestiame, lasciare tutto, ma non sanno come fare. Il sisma ha devastato molti paesi e gli abitanti non possono restare nei centri in cui sono nati e cresciuti.

E’ necessario istituire la Protezione civile animale

Non bisogna dimenticare, dunque, che il terremoto sta facendo soffrire anche molti animali. Non a caso, la Lega nazionale per la difesa del cane invita le associazioni animaliste ad intervenire subito per salvare animali domestici e bestiame. Sembra che i vigili del fuoco, durante le ispezioni, abbiano trovato na decina di cani e gatti che, nelle prossime ore, verranno riconsegnati ai loro proprietari. La presidente della Lega nazionale della difesa del cane, Piera Rosati, chiede l’istituzione di una Protezione civile animale che, parallelamente alla classica Protezione civile, si metterà in moto per salvare gli animali dopo catastrofi analoghe a quella delle ultime ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.