Cronaca

Terremoto nel Centro Italia: Mark Zuckerberg a Roma lunedì prossimo

Il violento terremoto che ha devastato molti paesi del Centro Italia, lo scorso 24 agosto 2016, ha scosso anche il fondatore e CEO di Facebook Mark Zuckerberg, che ha espresso la sua solidarietà a tutti coloro che hanno perso la casa e i parenti.

Roma: città prediletta da Mark Zuckerberg

Il numero uno di Facebook ha scritto su Facebook che lunedì prossimo, 29 agosto 2016, arriverà a Roma per un meeting alla Luiss. In particolare, il CEO del popolare social network in blu incontrerà i membri della Community italiana, a cui ha chiesto, se possibile, di postare già alcune domande su Facebook. Mark Zuckerberg è addolorato per quello che è successo nel Centro Italia giorni fa. I suoi pensieri sono tutti per coloro che hanno perso la casa e i familiari. Roma è una città che il numero uno di Facebook ama molto; non a casa la scelse come location dove trascorrere la luna di miele con la moglie Priscilla.

La solidarietà dei big della Silicon Valley

Intanto l’Italia piange le sue vittime, oltre 250. Il bilancio, purtroppo, non è definitivo. Molte persone sono ancora sotto le macerie. Diverse scosse sismiche, potenti, hanno raso al suolo vari paesi del Centro Italia. Amatrice ed Accumoli, ad esempio, sono stati ridotti a polvere e detriti. Una tragedia di immani proporzioni. I volontari lavorano giorno e notte, così come le forze dell’ordine e i militari dell’Esercito. La Protezione civile ha organizzato nelle città italiane, da Nord a Sud, punti di raccolta di cibo e bevande che servono ai terremotati, a persone che, di punto in bianco, si sono trovate senza niente.

Oltre a Mark Zuckerberg, molti big della Silicon Valley hanno espresso la loro solidarietà alle vittime del terremoto nel Centro Italia, come Tim Cook, CEO della Apple. Premettiamo che l’avvento di Zuckerberg a Roma era stato pianificato prima del terremoto. Il fondatore di Facebook risponderà alle domande degli studenti durante il “Townhall Q&A”.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.