Terremoto: Salvini invita Renzi ad aiutare gli italiani, non i migranti

By | 31 ottobre 2016

Una nuova e potente scossa sismica, quella di ieri, 30 ottobre 2016, alle 7.41, ha messo in ginocchio molte zone del Centro Italia. Era dal 1980 che il Belpaese non si trovava in una situazione così drammatica. Sfollati, lacrime, edifici danneggiati e rasi al suolo. L’Italia è in balia delle scosse sismiche che, secondo gli esperti, potrebbero ripresentarsi nelle prossime ore. Il terremoto, adesso, è il vero nemico dell’Italia. Anche, e soprattutto, in questi momenti lo Stato deve far sentire la sua vicinanza ai cittadini.

loading...

Lo Stato è vicino agli sfollati

Ieri il premier Matteo Renzi, durante una conferenza stampa a Palazzo Chigi, ha detto di aver informato l’Ue del fatto che l’Italia farà il possibile per ricostruire tutto quello che è stato devastato dal terremoto. Il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, ha subito chiosato le parole del presidente del Consiglio, sottolineando che non bisogna più dare denaro agli extracomunitari perché la priorità, adesso, sono gli italiani. Ieri, alle 7.41, la terra ha tremato nuovamente in Italia: l’epicentro del sisma è stato registrato in Umbria, nei pressi di Norcia, Preci e Castel Sant’Angelo. Tanta disperazione, distruzione e sfollati. Il premier ha assicurato che lo Stato è vicino alle persone colpite dal sisma. Solidarietà anche dalle altre forze politiche, Forza Italia in primis.

Soldi agli italiani rimasti senza casa e lavoro: monito di Salvini

I moniti e le rassicurazioni di Renzi, però, non appagano Salvini che, su Facebook, ha sottolineato la necessità di tutelare prima gli italiani in questo difficile momento. Il leader del Carroccio invita Renzi a non elargire più denaro all’Ue e ai migranti, visto che molti italiani sono rimasti senza casa e senza lavoro. Sono gli sfollati, adesso, la priorità assoluta.

Qualche giorno fa, il premier italiano aveva ricevuto un’altra staffilata dal numero uno del Carroccio. Questo, infatti, aveva affermato di temere la contraffazione dei voti degli italiani all’estero su prossimo referendum costituzionale, annunciando altresì che vorrà osservare “ogni singola scheda votata”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *