Torino, soffocata da un boccone di carne al ristorante

By | 28 luglio 2017

Borgaro Torinese, soffoca per un boccone di carneDramma in un ristorante di Borgaro Torinese, in provincia di Torino. Una 76enne, Anna Schiavone, stava mangiando con amici e parenti quando, all’improvviso, ha accusato un malore ed è morta. Il decesso è avvenuto per soffocamento. L’evento tragico è stato dovuto a un boccone di carne che ha ostruito le vie aeree. I parenti e gli amici dell’anziana sono rimasti increduli alla vista di quella donna che moriva davanti ai loro occhi. In attesa dell’arrivo del 118 hanno tentato di salvare Anna ma tutto è stato vano, così come inutile è stato l’intervento del personale sanitario. Quel boccone di carne ha stroncato la signora Schiavone, residente ad Almese. Il terribile episodio è avvenuto domenica scorsa ma solo nelle ultime ore è stato riportato da siti e tabloid. Secondo i testimoni, la 76enne sarebbe morta quasi all’istante. Neanche gli operatori del 118 sono stati in grado di prelevare in tempo quel pezzo di carne che le aveva occluso le vie aeree.

Niente autopsia sul cadavere di Anna Schiavone

Un’altra persona che, in Italia, muore per soffocamento successivo all’ingestione di un alimento. Stavolta il dramma si è consumato a Torino. La signora Anna voleva solo trascorrere una giornata diversa, una giornata tranquilla al ristorante insieme ad alcuni amici e parenti; invece, quel boccone di carne non le ha dato scampo. Gli operatori sanitari, subito arrivati al ristorante di Borgaro Torinese con un’ambulanza non hanno potuto fare altro che constatare il decesso della signora. Carmela Patanè, medico legale dell’Asl To4, dopo una preliminare ispezione cadaverica ha dichiarato che il decesso di Anna Schiavone è stato conseguenza di un arresto cardiaco causato dall’ostruzione delle vie aeree. La Procura di Ivrea non ha ritenuto necessario disporre l’esame autoptico ed ha subito disposto la riconsegna della salma della 76enne ai parenti. Non è la prima volta che in Italia qualcuno muore per un boccone di traverso che ostruisce le vie aeree. Un episodio simile a quello avvenuto domenica scorsa a Torino era avvenuto anche ad Avellino, un paio d’anni fa. Una donna rimase soffocata mentre pranzava con i suoi parenti. Anche in tal caso, l’intervento degli operatori sanitari non si rivelò provvidenziale.

Una domenica da dimenticare, quella della scorsa settimana, a Borgaro Torinese. Una 76enne si stava divertendo, a tavola, quando all’improvviso si è bloccata, senza riuscire più a respirare. Quel boccone di carne le aveva occluso le vie aeree.

L’importanza della manovra di Heimlich

Nel mondo sono morte molte persone a causa del soffocamento dovuto ai cibi. L’ostruzione delle vie aeree non è un’eventualità che riguarda solo i bimbi. Storie come quella accaduta domenica scorsa a Borgaro Torinese o ad Avellino lo dimostrano. Non si sa ancora se in quel ristorante torinese, la scorsa settimana, vi fosse qualcuno che conosceva la manovra di Heimlich, ovvero la manovra disostruttiva. Ognuno di noi dovrebbe essere in grado di eseguire tale manovra salva vita, in quanto può capitare anche agli adulti  che un boccone vada di traverso. Cosa fare se vediamo una persona che si porta le mani alla gola perché non riesce a respirare? Beh, in primis bisogna mantenere la calma; poi eseguire tempestivamente la manovra di Heimlich o chiamare il 118.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.