Turchia, 500 italiani diventano ostaggi della neve: aerei fermi

By | 10 gennaio 2017

Un’ondata di freddo e gelo sta interessando molte nazioni, non solo in Italia. In Turchia, ad esempio, la situazione è veramente complicata. A causa del maltempo, molti italiani sono bloccati in Turchia da venerdì scorso. Le compagnie aeree non fanno decollare o atterrare velivoli per la neve. Sarebbero 500 i connazionali che, da venerdì scorso, si trovano nello scalo aeroportuale di Istanbul in attesa di tornare nel Belpaese.

Vicenda in via di risoluzione

La Farnesina è continuamente in contatto con l’ambasciata italiana in Turchia ed altre autorità affinché la situazione possa tornare presto alla normalità. Il Ministero degli Esteri, comunque, garantisce che l’episodio è ‘in via di lenta risoluzione, con il progressivo miglioramento delle condizioni climatiche’. Tra gli italiani fermi da svariati giorni all’aeroporto turco c’è l’avvocatessa Pina Biagini, molto preoccupata per il fatto che spesso lo scalo è preso di mira dai terroristi. La donna ha ricordato che, tempo fa, un gruppo di estremisti islamici ha compiuto una strage di pendolari, persone che come lei stavano per partire.

Voli cancellati e paura

loading...

Nella capitale turca sono stati cancellati moltissimi voli a causa della neve. Il sindaco di Istanbul, Kadir Topbas, ha detto che, quella degli ultimi giorni, ‘è la più grande nevicata degli ultimi 7 anni’.

La Turkish Airlines, intanto, continua a cancellare voli. Gli italiani in Turchia chiedono aiuto. Speriamo che la Farnesina corra in loro aiuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *