Turkmenistan vieta le auto nere: portano sfortuna

By | 13 gennaio 2018

Turkmenistan: crociata contro auto nere, ecco perchéCuriosa decisione quella presa recentemente dal presidente del Turkmenistan Gurbanguly Berdymukhammedov. Nella Capitale della nazione sono state vietate le auto nere. Chi è sorpreso alla guida di un veicolo scuro è invitato a scendere e tornarsene a casa a piedi o con i mezzi pubblici. E’ iniziato l’iter di sequestro di tutte le auto nere nella Capitale della nazione, ossia Ashgabat. Dietro a questa crociata ci sarebbe un motivo. Il presidente ritiene che il nero porti sfortuna. Non è un caso che tutto, compresi i palazzi, sia bianco ad Ashgabat.

Turkmenistan: obbligo di riverniciare veicoli neri

I poliziotti di Ashgabat hanno sequestrato tante auto nere nelle ultime settimane, obbligando i titolari a riverniciarle di bianco o argento. Solo che non tutti possono pagare le spese di riverniciatura.

La Capitale del Turkmenistan è anche conosciuta come la ‘Città del marmo bianco’, poiché detiene il primato mondiale per la quantità di edifici in marmo bianco. Il presidente Berdymukhammedov ama molto il bianco, lo reputa un colore fortunato.

Il ricco e potente leader turkmeno viaggia sempre in limousine bianche e vive in un palazzo completamente bianco.

La lotta contro le auto nere ha generato forti tensioni in Turkmenistan. Non tutti infatti non possono sobbarcarsi gli enormi costi per il lavoro di verniciatura.

Stipendio medio in Turkmenistan è di 200 euro al mese

Un automobilista ha rivelato ai microfoni di Radio Free Europe che per riverniciare la sua vettura dovrebbe spendere circa 1.200 euro. Una cifra proibitiva in un Paese dove lo stipendio medio è di circa 200 euro al mese.

‘Il mio stipendio è di 1.000 manat (172 euro circa, ndr), quindi, anche se non spendo soldi, sarò costretto a fare a meno di quasi tutto il mio stipendio annuale solo per riverniciare’, ha aggiunto l’uomo turkmeno.

Ria Novosti ha detto che, 2 anni fa, il Turkmenistan ha vietato l’importazione di auto nere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *