Un topo morto nel vestito comprato da Zara

By | 15 novembre 2016

Compra un vestito Zara e scopre un topo in avanzato stato di decomposizione. Non stiamo parlando di qualcosa di surreale ma della verità. A fare l’agghiacciante scoperta è stata Cailey Fiesel, una donna americana. Dopo aver acquistato il capo d’abbigliamento in uno store Zara, la ragazza di Manhattan ha fatto una scoperta nauseante. Nella cucitura c’era un topo di circa 6 cm in avanzato stato di decomposizione.

Zampa del roditore usciva dalla cucitura del vestito

Zara, colosso dell’abbigliamento, ha store in tutto il mondo, anche negli Usa. La giovane Cailey Fiesel aveva comprato il vestito in saldo per indossarlo in ufficio. Un bel capo che, però, ha riservato alla ragazza americana una sorpresa terrificante. Nella cucitura c’era un topo morto. La notizia sconcertante è stata riportata inizialmente dal New York Post e, subito, è rimbalzata su moltissimi giornali e riviste del pianeta. Cailey ha rivelato che, mentre era seduto in ufficio, sentiva qualcosa che le graffiava la gamba. Subito ha pensato che si trattasse di un cartellino antitaccheggio o qualcosa di simile. Ha provato a tirarlo ed ha scoperto che si trattava di un topo in stato di decomposizione. Da quella cucitura, inoltre, fuoriusciva un odore nauseabondo. La Fiesel era esterrefatta: non avrebbe mai immaginato di trovarsi in una situazione del genere.

Zara denunciata per danni

Successivamente alla traumatica scoperta, la Fiesel ha deciso di denunciare Zara per danni. I suoi legali hanno sottolineato che il colosso dell’abbigliamento deve assicurare ai suoi clienti capi senza difetti, comprese le ‘infestazioni dai roditori’. Non finisce qui. Alla ragazza di Manhattan è stato diagnosticato una forte esantema dovuto proprio al topo morto. Gli avvocati che difendono Cailey Fiesel hanno rivelato al New York Post che Zara è famosa perché sfrutta una metodologia basata sull’estremo tempismo: si passa velocemente, in sostanza, dalla progettazione alla commercializzazione dei prodotti. Questa velocità, però, può avere anche effetti spiacevoli. Lo sa bene la ragazza americana, che non ha creduto ai suoi occhi quando ha visto spuntare dalla cucitura del suo abito la zampetta di un topo.

Secondo quanto emerge dagli atti giudiziari, Cailey ha iniziato a sentire un odore nauseante dopo aver indossato quel vestito. Una volta arrivata in ufficio ha fatto l’inquietante scoperta. I colleghi sono corsi subito vicino alla scrivania della Fiesel, dopo aver notato la collega sotto choc, impaurita. Poco dopo la ragazza è corsa in bagno per togliersi il vestito.

Negligenza nel controllo dell’abito

Duro colpo per Zara, che probabilmente dovrà risarcire una cliente che ha trovato un topo morto nel vestito. La Fiesel ha chiesto un risarcimento per lesioni personali e stress emotivo. I legali della donna di Manhattan hanno dichiarato che il colosso spagnolo dell’abbigliamento ha violato il  dovere di avere cura in fase di progettazione, produzione, controllo, distribuzione e fornitura. Zara si è comportata in modo negligente perché non ha controllato accuratamente quel vestito, mettendo così in pericolo la salute di un cliente. Com’è ben noto, i roditori sono portatori di molte malattie; figuriamoci un topo morto!

Sembra che un portavoce di Zara abbia ammesso che l’azienda ha riconosciuto le sue colpe, avviando indagini per fare luce sulla vicenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.