Curiosità

Uomo resta incinto: shock a Biella, si sarebbe autofecondato

Biella shock, 55enne dice di essere incintoBufala o verità? Spesso la linea che divide la realtà dalle fake news è veramente sottile. Noi ci limitiamo a riportare una storia incredibile, già balzata su diversi ed autorevoli quotidiani, italiani, come La Stampa. Un 55enne di Biella, già padre di 3 figli, avuti da una donna, sarebbe rimasto incinto. Ebbene sì, l’uomo ha detto di essere al quarto mese di gravidanza. Dovrebbe partorire a febbraio ma ha deciso di far nascere il suo bebè a dicembre, con un cesareo. Sembra una presa in giro, una storia inventata, invece ci sarebbero numerosi documenti a confortare l’ermafroditismo del 55enne piemontese, come quelli rilasciati dall’Asl, dal suo medico e numerose ecografie. L’uomo sostiene di essersi autofecondato ma gli scienziati ritengono che questo sia impossibile. Chi ha ragione? Eppure la documentazione in possesso del cinquantenne parla chiaro: ‘Test di gravidanza positivo’. Gli esperti ritengono che le alterazioni ormonali potrebbero aver distorto gli esami clinici. Non è così, invece, per il 55enne di Biella, certo di produrre sia gameti femminili che maschili.

Uomo incinto: lo scetticismo di Roberto Jura

Il caso delle 55enne ermafrodita  di Biella sta incuriosendo il mondo scientifico. Curioso e, nel contempo, scettico è anche Roberto Jura, ex primario di Ostetricia e Ginecologia all’ospedale di Biella. L’esperto ha affermato che, dopo 40 anni di carriera e tante conferenze internazionali, non ha mai sentito parlare di uomini autofecondati.

Riferendosi al 55enne piemontese che sostiene di essersi autofecondato, Jura dice: ‘Di certo ci sono problemi endocrinologici e ormonali, ma da qui a dire che c’è un utero ed è gravido c’è differenza. Solo una laparoscopia addominale può dirimere la questione. Ci sono casi di mascolinizzazione nelle donne per disturbi alle ovaie o di femminilizzazione negli uomini, ma una gravidanza sarebbe forse possibile solo fecondando un ovulo artificialmente fuori per impiantarlo in un uomo che abbia una femminilizzazione dei tessuti pelvici’.

La gravidanza di Trystan Reese

La storia dell’uomo incinto di Biella fa tornare alla memoria quella di Trystan Reese, un 34enne di Portland che, diversi mesi fa, era rimasto in ‘dolce attesa’.

Trystan è transgender e sposato con Biff Chaplow. I due avevano già adottato, nel 2015, due bimbi. Non solo: il 34enne era già rimasto incinto, in passato, ma aveva abortito spontaneamente.

Un uomo può restare incinto?

Può un uomo restare incinto? Il dibattito scoppiò per la prima volta nel 2008, quando Oprah Winfrey ospitò nel suo programma il primo uomo incinto della storia: Thomas Beatie. L’uomo in ‘dolce attesa’ si presentò in studio insieme alla moglie e l’ostetrica Kimberly James. Molti telespettatori rimasero stupefatti e, nonostante la testimonianza di Thomas, il nodo non è mai stato sciolto. Esiste veramente la gravidanza maschile o le storie che si sentono o vengono pubblicate sono mere bufale?

Sul tema ci sono pareri discordi. ‘Se l’addome femminile può agire come un utero perché non potrebbe fare lo stesso anche uno maschile?’, si domandano in molti. Il medico in studio con Thomas Beatie non ha dubbi: ‘Ho dimostrato che la gravidanza maschile oggi è possibile’.

Molti medici e scienziati, come quello che ha assistito Beatie,  ritengono che gli uomini possano restare incinti. La gravidanza maschile è dunque possibile, anche se, secondo gli esperti è altamente rischiosa, visto che la placenta si ingrandisce vicino agli organi addominali.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.