Va in ospedale imbottito di farmaci e minaccia di morte la moglie

By | 21 gennaio 2018

Un 36enne si è presentato al Pronto soccorso dell’ospedale San Paolo di Milano in stato confusionale. Era agitato e fuori di sé perché imbottito di farmaci. Agli operatori sanitari ha detto di aver litigato con la moglie in casa, a Pieve Emanuele. Una dottoressa ha subito chiamato la Polizia quando ha udito l’uomo proferire una frase agghiacciante: ‘Quando torno a casa, l’ammazzo’. L’uomo si sarebbe riferito alla moglie. Gli agenti sono arrivati subito ed hanno bloccato l’uomo, che ha tentato di reagire con violenza.

Moglie aveva già denunciato il trentenne

Gli operatori sanitari del nosocomio lombardo, dopo aver chiamato la Polizia, hanno contattato anche la moglie del 36enne imbottito di farmaci e violento. La donna era già andata dai carabinieri per denunciare il marito.

I militari di Pieve Emanuele erano già al corrente del comportamento brutale del 36enne nei confronti della moglie e delle frequenti liti tra le mura domestiche.

Il trentenne, alla fine, è stato arrestato con l’accusa di minacce gravi e maltrattamenti nei confronti della moglie. I sanitari erano rimasti esterrefatti davanti ai termini usati da quell’uomo. Non potevano non segnalare immediatamente la vicenda alle forze dell’ordine.

Donna minacciata di morte anche davanti alla Polizia

‘Adesso appena esco di qui torno a casa e uccido mia moglie’. Una frase traumatizzante, proferita diverse volte davanti al personale sanitario. Non finisce qui.

loading...

‘Ho avuto una lite con mia moglie e tornerò a casa a ucciderla’, ha esclamato il trentenne quando ha visto i poliziotti. Questi, prima dell’arresto, hanno sentito la moglie, che ha confermato il diverbio della mattina e le continue sopraffazioni subite in casa.

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *