Vedova nera uccide i mariti con un cocktail al cianuro

By | 8 novembre 2017

Sulla scia del famoso film “La vedova nera” del 1987, diretto da Bob Rafelson ed interpretato da Debra Winger e Theresa Russell, ecco la storia di oggi, ove una vera e propria vedova nera uccide i mariti con un cocktail al cianuro!

Si, si avete capito benissimo, una vedova nera in carne ed ossa che porge al proprio marito un cockail al cianuro, dicendogli dolcemente: “Bevi, ti farà bene”. Ma andiamo a scoprire tutti i dettagli di questa incredibile vicenda …

La vedova nera esiste davvero

Bando a pistole, coltelli o a qualsiasi altra arma letale e servendosi “semplicemente” di un cockail al cianuro, una donna di 70 anni, Chisako Kakehi, al pari della famosa vedova nera, ha commesso ben tre omicidi, uccidendo il mariti e i due compagni.
Spacciando infatti per una bevanda energetica un cocktail, in realtà al cianuro, uccideva i suoi partner e poi incassava l’eredità. Chisako Kakehi, la “vedova nera giapponese” è stata ora condannata a morte dal tribunale di Kyoto.

La condanna

Tra il 2007 ed il 2013, la “vedova nera giapponese” ha commesso infatti ben tre omicidi, tra cui quello del marito e di due compagni. La sentenza di condanna è stata pronunciata al termine del processo tenutosi nel tribunale di Kyoto, a dispetto di una dichiarazione d’innocenza da parte dell’imputata, per la quale il suo avvocato aveva invocato l’infermità mentale, per via di alcuni sintomi di una precoce demenza senile. Secondo l’avvocato infatti, la 70enne sarebbe stata colta da questi malori, proprio durante i delitti.
A dispetto però della dichiarazione dell’avvocato, secondo il giudice Ayako Nakagawa, Chisako Kakehi avrebbe agito esclusivamente per soldi, arrivando ad assassinare dapprima Isao, il marito di 75 anni, quindi il compagno Masanori Honda, di anni 71 anni ed ancora, Minoru Hioki, l’ennesimo partner di anni 75 ed avrebbe infine tentato di uccidere il conoscente Toshiaki Suehiro, di anni 79. Tutte le vittime di Chisako Kakehi sono state avvelenate col cianuro.
Secondo l’accusa la 70 enne aveva premeditato e pianificato con cura gli omicidi, nel minimo dettaglio, fino alla preparazione di documenti notarili, che una volta sistemati le consentivano di offrire alle sue vittime la terribile bevanda al cianuro.

La storia di Kakehi

Chisako Kakehi si è sposata la prima volta alla giovane età di 24 anni con un imprenditore, che morì nel 1994, lasciandola coperta di debiti. Fu così che la donna, dall’attività in bancarotta nella quale si ritrovò, iniziò a meditare un altro sistema per “recuperare fondi”.
Coperta di debiti, senza più un casa, la donna tentò allora di trovare un nuovo marito, non tanto come dalle parole dell’accusa, per il desiderio di avere un nuovo compagno, ma per l’esigenza di risolvere i suoi problemi finanziari.
La “vedova nera giapponese” si era registrata su un sito di incontri, chiarendo di voler incontrare esclusivamente uomini con un reddito annuo superiore a 10 milioni di dollari e dopo aver incontrato numerosi aspiranti mariti, è riuscita ad avere una relazione con ben 10 uomini, ereditando all’incirca 1 miliardo di dollari.
L’arresto di Chisako Kakehi, avvenuto nel 2014, è da attribuirsi al primo omicidio, del marito Isao, morto nella casa della coppia a Muko, nel dicembre 2013, a solo un mese dalle nozze. E proprio da questo primo omicidio, gli investigatori hanno iniziato ad indagare sulla misteriosa morte degli altri due compagni della donna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *