Vegana contenta per l’uccisione del macellaio a Trebes

By | 30 marzo 2018

vegana-trebes-macellaioNeanche dinanzi alla morte certe persone riescono ad accantonare le loro opinioni, continuando a farneticare e infangare la memoria dei defunti. Un’attivista vegana ha nauseato il mondo intero con le parole postate su Facebook dopo l’attentato terroristico a Trebes, in Francia. Un post agghiacciante per commentare la morte di Christian Medves, il macellaio 50enne ucciso da Radwan Lakdim. ‘Beh cosa ti sciocca, un assassino che viene ucciso da un terrorista? Io ho zero compassione per lui, c’è ancora giustizia’, recita il post della vegana francese, poi cancellato.

Apologia del terrorismo

Una vegana ha anteposto la sua visione alla pietà per le vittime del terrorismo. La donna francese ha osato dire che la morte di Christian Medves è giusta. Come commentare un fatto del genere? Beh, non ci sono parole. La Confederazione francese dei macellai e dei ristoratori (CFBCT) ha condannato ‘le osservazioni vergognose fatte su Facebook da una vegana militante sull’omicidio di Medves e chiede moderazione e memoria…’. La suddetta confederazione ha presentato una denuncia.

loading...

Secondo le ultime informazioni l’ufficio del procuratore di Foix (Ariège) ha avviato un’inchiesta per apologia di terrorismo. Il raccapricciante post era stato subito individuato dai servizi statali francesi e immediatamente ritirato. Sembra che la fervente vegana sia già stata condannata a 7 mesi di reclusione (pena sospesa). La donna, 56 anni, era stata arrestata mercoledì scorso nella sua casa a Francazal (Haute-Garonne). Il giorno successivo è stata portata davanti ai giudici ed ha spiegato il motivo per cui aveva pubblicato quel post orripilante.
In aula la vegana non ha chiesto scusa, ma ha rammentato le sue credenze per la causa animale.

Vegani irrompono nel Parlamento francese

In Francia ci sono indubbiamente molti vegani, che spesso fanno sentire la loro voce. Ogni è libero di proferire quello che vuole senza ledere gli altri e la memoria di persone che non ci sono più. Nelle ultime ore, 8 sostenitori del veganesimo hanno fatto irruzione nel Parlamento francese con magliette insanguinate, recanti la scritta ‘EGA, vergogna’, ed hanno sospeso i lavori. Non appena entrati, il vice presidente della Camera ha rinviato la riunione.

‘Condanno nel modo più fermo individui e piccoli gruppi che questa mattina hanno chiesto il rispetto del bestiame in schiavitù alla Camera. Queste osservazioni non sono degne dello straordinario lavoro dei nostri agricoltori’, ha twittato il deputato Gael Bohec, postando la foto dell’irruzione dei vegani. ‘La sicurezza è garantita in questo luogo simbolico della Repubblica?’, si chiede invece il parlamentare Hervé Saulignac, pubblicando un filmato che ritrae la sospensione della riunione. I furiosi vegani, dopo aver contestato alla Camera, sono stati bloccati dalle forze dell’ordine e condotti all’uscita. Ovviamente sono state annotate le loro identità e indirizzi. Fonti parlamentari dicono che l’Assemblea potrebbe presentare una denuncia.

Il blitz dei vegani del Parlamento francese è stato rivendicato sui social network dal gruppo ‘Boucherie Abolition’, secondo cui l’EGA ‘non ha portato alcun miglioramento per la misera condizione animale’. I vegani hanno pubblicato vari filmati sulle pessime condizioni in cui versano gli animali negli allevamenti francesi. Un video è corredato dalle parole ‘SOS, per l’abolizione della produzione animale’. L’obiettivo del gruppo è l’abolizione universale del bestiame.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *