Virginia Raggi non pensa alle dimissioni, estranea alla polizza vita di Romeo

By | 3 febbraio 2017

La sindaca pentastellata di Roma, Virginia Raggi, va avanti, nonostante il ‘fango’ che le sta piombando addosso da più parti. Durante l’interrogatorio delle ultime ore, davanti ai pm, Virginia ha risposto a tutte le domande. La Raggi è accusata di falso e abuso d’ufficio relativamente al caso Marra. Intanto, ad inguaiare ancor di più la sindaca capitolina è la storia della polizza sulla vita da 30.000 euro che aveva stipulato, in suo favore, l’ex numero uno della segreteria, Salvatore Romeo.

Raggi sconvolta per la storia della polizza vita

I primi a riportare la notizia della polizza vita da 30.000 euro in favore di Virginia Raggi sono stati L’Espresso e il Fatto Quotidiano. La sindaca si è detta ‘sconvolta’, sottolineando di non sapere nulla di tale storia. ‘Non ne sapevo nulla, queste polizze possono essere fatte senza informare il beneficiario, non devono essere controfirmate’, ha precisato Virginia all’indomani dell’interrogatorio di otto ore dinanzi ai pubblici ministeri. La sindaca di Roma ha aggiunto che non ha nessuna intenzione di dimettersi, sentendosi ancora nel MoVimento. Sembra che Grillo supporti ancora la Raggi e, come suo solito, ha ironizzato sulla vicenda della polizza vita, promettendo di fare polizze vita a tutti.

Romeo aveva stipulato una decina di polizze

loading...

Durante l’interrogatorio, i pm avrebbero chiesto a  Virginia di fornire spiegazioni sulla polizza vita da 30.000 stipulata da Salvatore Romeo in suo favore. Una vicenda che presenta molti punti da chiarire. Dai fatti emerge che Romeo, dopo quella polizza, si vide triplicare lo stipendio poiché venne nominato capo della segreteria capitolina. Un cachet faraonico che fece insospettire anche l’Autorità anticorruzione. La sindaca, alla fine, fu costretta a ridurre lo stipendio di Romeo.

Quella polizza vita, secondo la prima cittadina di Roma, venne stipulata senza che lei ne fosse a conoscenza. Strano. Neanche Virginia conosce il motivo per cui Salvatore ha organizzato tutto ciò.

L’Espresso e Il Fatto Quotidiano hanno scritto che, a partire dal 2013, Romeo avrebbe stipulato circa dieci polizze vita in favore di membri del M5S e di diversi parenti. La spesa? 100.000 euro circa. La sindaca di Roma, per ora, cammina a testa e non teme nessuno, consapevole di godere dell’appoggio del M5S e di Grillo. Certo, la faccenda della polizza vita continua a far discutere. Gli stessi pentastellati romani sembrano volerne stare alla larga: ‘Non ne sappiamo nulla, chiedete ai diretti interessati’. La Procura di Roma dovrà fare luce su numerosi aspetti e, probabilmente, convocherà Salvatore Romeo per fargli qualche domanda sull’ormai celebre polizza vita da 30.000 euro in favore della sindaca della Capitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *