Vittorio Sgarbi maltrattato dagli steward della Swissair

By | 20 settembre 2016

Non ha vissuto bei momenti Vittorio Sgarbi su un volo Swissair. Il noto critico d’arte sarebbe stato trattato malissimo da due steward della compagnia elvetica mentre era in bagno. Sgarbi ha parlato della disavventura sulla sua pagina Facebook.

Sgarbi inorridito dal trattamento ricevuto in volo

Lo scorso 18 settembre 2016 Vittorio Sgarbi era sul volo Roma-Ginevra e, all’improvviso, ha sentito il bisogno di andare in bagno. Era seduto in quarta fila ed ha scelto di recarsi nel bagno più vicino, nei pressi della cabina del pilota. Il critico d’arte, mentre era concentrato ad espletare i suoi bisogni fisiologici, ha sentito bussare alla porta. Era due steward che parlavano, anzi urlavano, in francese come “i nazisti che andavano a prendere gli ebrei”. Sgarbi è rimasto di stucco: non gli era mai capitato, nella vita, di trovarsi in una situazione del genere. I due steward pretendevano che l’intellettuale aprisse subito la porta. Alla fine, Sgarbi è uscito ma è stato letteralmente assalito verbalmente dai due addetti della Swissair,dicedogli anche che, se avesse alzato la voce, avrebbero chiamato la Polizia. Sgarbi non ha opposto resistenza ma è rimasto inorridito dal trattamento ricevuto dal personale della compagnia Swissair. Vittorio ha affermato che non prenderà mai più un volo Swissair ed esorta tutti a fare altrettanto.

Critico d’arte doveva recarsi alla toilette della seconda classe

Gli steward si sono infuriati con Sgarbi perché si era recato nel bagno della prima classe e non della seconda. Tale motivazione ha fatto sorridere e allibire il critico d’arte, precisando su Facebook di non sapere che esistesse “merda di prima classe e merda di seconda classe”. Da questo episodio, ben descritto da Vittorio Sgarbi, si evince che non è possibile per i passeggeri in seconda classe di un volo Swissair recarsi nel bagno in prima classe, neanche se non si riesce più a trattenere la ‘pipì’ o la ‘pupù’. Il video postato su Facebook dal popolare critico d’arte è stato visualizzato moltissime volte e, certamente, rappresenterà una ‘spina’ per la compagnia svizzera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

loading...