Cronaca

Vittorio Sgarbi, staffilata alla Boldrini: ‘La denuncio’ – VIDEO

Vittorio Sgarbi intende denunciare Laura BoldriniLaura Boldrini, presidente della Camera, è stanca di chi la offende in Rete e minaccia denunce. Vittorio Sgarbi, invece, è stanco delle uscite della Boldrini, spesso e volentieri offensivi. Il noto critico d’arte ha postato nelle ultime ore un video su Facebook con cui censura la numero uno della Camera; insomma, Sgarbi tenta di dare una lezione alla 56enne di Macerata spesso alla ribalta per la sua posizione di estrema apertura e accoglienza incondizionata dei migranti. Dure le parole riservate alla Boldrini da Sgarbi: ‘Abbiamo un’eroina, la Boldrina. Non so se gli insulti alla Boldrini siano più gravi del fatto che lei è stata offensiva ed è offensiva rispetto alla nostra civiltà, alle nostre tradizioni… Sono certo che è contraria al crocifisso negli uffici pubblici e al presepe per Natale. Se un giovane guarda un presepe non è corretto, perché i musulmani non ce l’hanno. Sicuramente la Boldrina, politicamente corretta che si offende per tutto, offende il nostro sentimento religioso. La denuncio, la denuncio, la denuncio!’.

https://youtu.be/jvfCQS9tq_Y

Le invettive di Sgarbi contro la Boldrini

Video dai toni forti quello di Sgarbi. L’ennesima clip per contestare qualcuno o qualcosa. Il critico d’arte, comunque, ci ha abituati a queste invettive a sfondo politico. Fortunatamente viviamo in uno Stato libero e democratico, almeno in linea di principio. Che tra Sgarbi e la Boldrini non ci sia la perfetta armonia si era capito da un bel po’ di tempo. Ultimamente, ad esempio, il critico d’arte ferrarese aveva biasimato la presidente della Camera per la sua uscita relativa ai monumenti fascisti in Italia, che secondo lei dovrebbero essere rimossi. ‘Ci sono persone, come i partigiani, che si sentono a disagio quando passano sotto i monumenti del Ventennio. Non accade altrettanto in Germania, dove i simboli del Nazismo non ci sono più’.

‘Laura Boldrini andrebbe interdetta’

Le parole proferite dalla Boldrini sui monumenti fascisti in Italia avevano sollevato un vespaio di polemiche. Vittorio Sgarbi, sdegnato, aveva chiosato: ‘Laura Boldrini andrebbe interdetta, essendo pericolosa a sé e alla democrazia… nella vanità di questa donna c’è un disprezzo così profondo per la cultura e per la civiltà italiana che ogni spirito libero dovrebbe considerare con preoccupazione’.

Che dire poi dell’attacco del critico d’arte, risalente a qualche mese fa, sulla declinazione dei termini maschili in femminili. Tutti sanno, infatti, che la Boldrini è solita riferirsi, ad esempio, a una donna ministro col termine ‘ministra’. Sgarbi, anche in tal caso, non si era tirato indietro, esprimendo sdegno per gli errori grammaticali della presidente della Camera. ‘Ci dica chi è lei… Lei è la grammatica?’, aveva chiesto il critico d’arte alla Boldrini.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.