Voleva allungare organo genitale: muore durante operazione

By | 2 agosto 2017
loading...

Svezia, voleva aumentare dimensioni del suo pene: stroncato da infartoUn trentenne svedese era insoddisfatto del suo organo genitale (troppo corto e stretto secondo lui), quindi aveva deciso di sottoporsi a un intervento chirurgico per aumentarne le dimensioni. Qualcosa, durante l’operazione, non è andato per il verso giusto e l’uomo è stato colto da un arresto cardiaco, quindi la morte. Questo è il ‘succo’ della storia che vi stiamo per raccontare. Una vicenda che fa riflettere sul fatto che, forse, ognuno di noi dovrebbe pensare a lungo prima di sottoporsi ad operazioni per sembrare migliori e più belli. Un intervento di allungamento del pene è costato caro a uno svedese. Mai nessuno, però, era deceduto durante un intervento del genere. L’operazione era stata effettuata da un’equipe di chirurghi di Stoccolma, in Svezia, che aveva sfruttato un metodo classico, ovvero il trasferimento dell’adipe all’organo genitale. In sostanza, i chirurghi svedesi avevano cercato di allungare e allargare il pene del trentenne col grasso preso dallo stomaco.

Il cuore del paziente aveva iniziato a palpitare celermente

Tutto era andato per il verso giusto, a Stoccolma, in sede di allungamento dell’organo genitale del paziente trentenne. I problemi, a quanto pare, sono arrivati nel momento dell’ingrossamento. All’improvviso il cuore del paziente aveva iniziato a pulsare esageratamente mentre i livelli di ossigeno e pressione sanguigna calavano. Una situazione drammatica che ha determinato l’arresto cardiaco. Lo staff di chirurghi aveva fatto il possibile per salvare il trentenne svedese ma nessun tentativo si era rivelato giovevole. Dopo un paio d’ore, il paziente è deceduto. Secondo le prime indiscrezioni, il trentenne, che non aveva malattie gravi, eccetto una lieve asma, è morto per un’embolia lipidica. In sostanza il grasso ha occluso i vasi sanguigni, favorendo così l’insufficienza respiratoria e l’arresto cardiaco. L’intervento chirurgico per avere un pene migliore si è rivelato fatale per il trentenne svedese. I medici, del resto, avvertono che interventi del genere raramente sono decisivi: spesso insorgono gravi problematiche, come malformazioni dell’organo genitale o disfunzione erettile perpetua.

Il Journal of Forensic Sciences ha riportato che il trentenne svedese era stato operato in una clinica privata di Stoccolma, una struttura rinomata nel mondo della chirurgia plastica. Il metodo per ingrandire e allungare l’organo genitale era stato scelto proprio dall’uomo. Nessuno avrebbe mai pensato che l’intervento avesse un epilogo così tragico visto che non si erano mai registrate morti durante operazioni simili.

Una procedura semplice e sicura per ingrandire organo genitale

Alcuni studiosi hanno affermato: ‘Questo è il primo caso descritto in cui una procedura apparentemente semplice e sicura di ingrandimento del pene mediante trasferimento di grasso autologo ha causato la morte improvvisa in un giovane sano. Forse il rischio di embolizzazione del grasso è più elevato quando il tessuto pretraumatizzato viene sottoposto ad iniezione di grasso, come in questo caso, dove è stato eseguito un allungamento del pene allentando un legamento dell’organo genitale prima dell’iniezione di grasso’.

Un metodo collaudato, a quanto pare, quello che aveva scelto lo svedese per aumentare le dimensioni e la lunghezza del suo organo genitale, consistente nell’utilizzo del grasso depositato in altre zone del corpo, solitamente le cosce e il ventre. Sembra  che siano sempre di più gli uomini ansiosi per le dimensioni dei loro organi genitali e, per tale ragione, chiedono consulti agli esperti. In determinate nazioni, come la Svizzera, gli interventi chirurgici sono aumentati notevolmente. Qualche anno fa, i responsabili di una clinica di Zurigo avevano detto che il numero di tali operazioni era raddoppiato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *