WhatsApp non funzionerà più su questi cellulari

By | 18 giugno 2017

WhatsApp sui cellulari vecchi non funzionerà piùLa celebre app di messaging WhatsApp non sarà più disponibile su alcuni cellulari dal prossimo 30 giugno 2017. Lo ha annunciato la stessa azienda di proprietà di Facebook. A rimetterci saranno sostanzialmente i possessori di smartphone con le obsolete piattaforme software Symbian S60, Nokia S40, BlackBerry 10 e BlackBerry OS. Prevista invece una proroga di sei mesi per chi ha cellulari che ‘girano’ con BlackBerry BBOS e BB10. Niente più WhatsApp, invece, per i device mobile con Windows, Android Gingerbread 2.3 e gli iPhone con iOS 6. I possessori di tali dispositivi che vorranno continuare ad usare la nota applicazione di messaggistica, perciò, non dovranno fare altro che acquistare un dispositivo di ultima generazione.

E le chat sui vecchi cellulari?

C’è chi può fare tranquillamente a meno di WhatsApp e chi, invece, per lavoro o svago non può assolutamente prescinderne. Questi ultimi, se in possesso di cellulari obsoleti, dovranno perciò acquistare nuovi dispositivi dal prossimo 30 giugno 2017. Qual è la ragione di tutto ciò? Beh, i cellulari vecchie non hanno le caratteristiche adatte a sfruttare le grandi potenzialità dell’app di messaging di Facebook. Le chat sui vecchi smartphone non si potranno trasferire sui nuovi dispositivi. Che fare, allora? Semplice, basterà salvarle e poi inviarle via mail ai nuovi apparecchi.

La novità dell’addio alle vecchie piattaforme era stata annunciata l’anno scorso dalla stessa azienda, mediante un lungo comunicato in occasione dei primi sette anni dell’applicazione. Dopo aver indicato tutte le piattaforme su cui l’app non avrebbe più ‘girato’, il comunicato diceva: ‘Questa è stata una decisione difficile per noi da prendere, ma è quella giusta al fine di dare alla gente modi migliori per tenersi in contatto con amici, familiari e persone care con WhatsApp’. In poche parole, quel comunicato esortava gli utenti ad acquistare nuovi cellulari Android, Windows Phone e iPhone per poter continuare a beneficiare delle grandi potenzialità della più popolare app di messaggistica.

Nel lontano 2009, quando WhatsApp venne lanciato, la maggior parte degli smartphone era equipaggiato con piattaforme Nokia e BlackBerry. Col passar degli anni molte cose sono cambiate. Oggi quelle piattaforme sono state soppiantate da Android, iOS e Windows, che girano praticamente su quasi la totalità dei cellulari.

WhatsApp, Zuckerberg e l’acquisto vincente

WhatsApp è stata acquistata nel 2014 da Facebook. Mark Zuckerberg aveva capito che si trattava di un’app vincente e mise sul piatto ben 19 miliardi di dollari. Una somma ragguardevole, specialmente se viene accostata al miliardo di dollari sborsato per comprare Instagram. Il tempo ha dato ragione al buon Zuckerberg, visto che il successo di WhatsApp è cresciuto esponenzialmente ed ora è usata da oltre un miliardo di persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *