Salute

Tatuaggio in gravidanza: sedicenne resta paralizzata e perde il bimbo

Tatuaggio in gravidanza? Un incubo. Non c’è stato niente di peggiore per una ragazza di 16 anni che per imprimersi sulla pelle un disegno permanente non solo è finita su una sedia a rotelle ma ha anche perso il bambino.

Tatuaggio in gravidanza: un batterio le ha portato via gambe e bambino

Costretta per sempre alla paralisi, Luisa Fernanda Buitrago dovrà soprattutto portare con sé il rimorso di aver “ucciso” suo figlio e di essersi da sola privata dell’uso delle gambe. Per un tatuaggio sotto al seno, che le ha trasmesso un micidiale virus. Un batterio che le ha intaccato la spina dorsale bloccandole l’articolazione inferiore. Molti sono stati gli interventi in un anno accompagnati da antibiotici e farmaci, oltre a vari drenaggi di liquidi di pus. Una cura farmacologica che il piccolo in grembo non è riuscito a sopportare. E così è arrivato anche l’aborto spontaneo.

Il racconto della giovane che ha perso tutto per un tatuaggio in gravidanza

Una storia bruttissima, che Luisa ha vissuto sulla sua pelle e ora racconta con un macigno sul petto: “La situazione è stata molto dura. Quando il neurochirurgo mi ha detto ‘non camminerai più’ è stato molto difficile, perché in realtà una giovane su una sedia a rotelle non può fare niente. Per fare qualsiasi cosa ho bisogno di aiuto, non riesco a fare niente da sola”.

Forse esiste ancora una speranza per la giovane, che ad oggi non riesce nemmeno ad andare in bagno da sola. Comunque sia un nuovo intervento potrebbe restituire la sensibilità alle gambe di Luisa: grazie ad anni di fisioterapia e di esercizi, con molta probabilità Luisa potrebbe tornare a camminare. Ma nulla le potrà restituire il bimbo che oggi non c’è più.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.