Allarme sifilide in Italia: +400% casi, ci vuole prevenzione

By | 24 ottobre 2017

Sifilide: boom di casi in Italia, manca prevenzioneGli esperti e i dermatologi lanciano l’allarme sifilide e malattie sessualmente trasmissibili in Italia. Patologie che sembravano ormai sconfitte stanno riemergendo e rovinando la vita a molte persone. Ciò perché i rapporti ‘intimi’ non sono spesso sicuri, ovvero non vengono adottate precauzioni. Adesso gli specialisti, che si sono riuniti in occasione del Congresso dell’Associazione Dermatologi Ospedalieri, esortano soprattutto i ragazzi alla prevenzione. Tra le malattie sessualmente trasmissibili che preoccupano maggiormente gli esperti c’è indubbiamente la sifilide: dal 2000 ad oggi si è registrato un +400% di casi in Italia. Un dato che non può non allarmare. Troppe persone, specialmente i giovani, vengono bersagliati dalla malattia causata da un batterio, che si manifesta solitamente con spellature e piccole lesioni sugli organi genitali. Preoccupa anche la gonorrea: in Europa i casi sono raddoppiati dal 2008 al 2013. E l’Aids? Nonostante le numerose campagne sulla prevenzione, l’Hiv colpisce ancora molta gente, specialmente over 50. Secondo dati diffusi recentemente dall’Oms, ogni giorno, nel mondo, si ammalano di malattie sessualmente trasmissibili, come la sifilide, più di un milione e mezzo di persone.

Sifilide diffusa specialmente nelle grandi città

A confermare il boom in Italia delle malattie sessualmente trasmissibili, come la gonorrea e la sifilide è stato anche l’Istituto superiore di sanità. Un incremento dovuto essenzialmente alla sottovalutazione delle patologie. L’Aids, ad esempio, è tornato a ‘picchiare duro’ specialmente tra gli over 50.

Antonio Cristaudo, presidente del Congresso dell’Associazione Dermatologi Ospedalieri, ha dichiarato: ‘In Europa, dalla metà degli anni ’90, alcune malattie sessualmente trasmissibili hanno trovato terreno fertile per espandersi dopo un decennio di declino, soprattutto nelle grandi metropoli e in alcuni gruppi a rischio, come i maschi omosessuali. Questa crescita è stata amplificata poi dalla facilità degli incontri sessuali occasionali dovuta oggi all’utilizzo di Internet e delle app’.

E’ bene che i giovani siano consapevoli dei rischi derivanti dalla disattenzione durante i rapporti ‘intimi’ e della necessità di precauzioni per scongiurare il rischio di patologie come sifilide, gonorrea ed Aids. Lo ha sottolineato anche il dermatologo Massimo Giuliani, dell’Istituto dermatologico San Gallicano di Roma. Secondo l’esperto si dovrebbe anche migliorare l’accesso alle strutture sanitarie dei soggetti che sospettano infezioni, in modo da fronteggiare rapidamente la patologia e curarla. Ogni, del resto, la tecnologia offre molti strumenti per la diagnosi rapida. ‘Si può infatti diagnosticare una sifilide su una goccia di sangue da un dito o fare nello stesso modo un test HIV a casa; oppure in ospedale si può ricevere un risultato per un’infezione da Chlamydia o di gonorrea in 2 ore su una piccola quantità di urine’, ha aggiunto Giuliani.

Il Treponema Pallidum

Il batterio che causa la sifilide è il Treponema Pallidum. La patologia è prima localizzata, poi si diffonde in tutto il corpo. Tale malattia sessualmente trasmissibile è tornata dunque ad essere frequente specialmente in Europa.

In Italia, ogni anno, si contano tanti nuovi casi di sifilide, dovuti sostanzialmente a rapporti non protetti. I giovani italiani ed europei forse sono poco coscienti della pericolosità della malattia. Molti non sanno nemmeno cosa sia la sifilide. Ebbene, ciò è molto grave. La sifilide può essere trasmessa anche dalla madre incinta, infetta, al neonato durante la gravidanza o in occasione del parto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *