Facebook social più usato in Italia, vendita di quotidiani in picchiata

By | 24 ottobre 2017

Facebook batte ogni social in Italia: boom di utenti uniciL’avvento del web ha determinato un forte cambiamento delle abitudini della gente, anche in Italia. La Rete piace, e anche tanto agli italiani. Il web è uno strumento importante per il lavoro ma anche per lo svago. Secondo l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, gli italiani passano molto tempo sui social, leggono meno quotidiani e fanno più acquisti sul web. Dal 2015 ad oggi si è registrato un vero boom dei social network, usati non solo dai giovani. Sono raddoppiate le ore che gli abitanti del Bel Paese passano su Facebook, che è il social network più usato in Italia: a giugno gli utenti unici erano oltre 25 milioni. Bene anche LinkedIn ed Instagram, che hanno incassato molti nuovi utenti italiani. Sul fronte degli acquisti online la parte da leone la fa Amazon. Gli italiani si affidano al noto e-commerce per acquistare un po’ di tutto. Le vendite dei classici giornali cartacei invece sono in picchiata: -9% rispetto all’anno scorso. I tabloid cartacei dunque sono sulla via del tramonto. Oggi, del resto, per leggere le notizie basta un click.

Facebook si fa strada in Italia

Nel giro di un paio d’anni, Facebook è diventato il social network più apprezzato e usato. La gente passa sempre più tempo sulla piattaforma fondata dal giovane Mark Zuckerberg. Alla base di tale successo ci sono sicuramente l’innovazione e il mobile. Ne è certo anche Luca Colombo, country manager di Facebook per l’Italia.

Gli utenti unici di Facebook sono in costante aumento: oltre 30 milioni in un mese, praticamente quasi tutti gli internauti. Il team Facebook sa bene che il futuro è il mobile. Lo sa anche Google. Mobile first. Un dato: degli oltre 30 milioni di utenti unici di Fb, in un mese, 28 milioni erano su mobile. L’85% del fatturato dalle pubblicità proviene dai dispositivi mobili.

Italia Paese decisivo per Facebook?

Visto che l’Italia ama molto Facebook, social che batte tutti in termini di utenza ed ore di utilizzo, la domanda sorge spontanea: l’Italia è un Paese decisivo per Facebook? A tale quesito aveva fornito un’esaustiva risposta lo stesso Colombo: ‘Anche svestendomi dal mio ruolo risponderei di sì. Se guardo ad esempio al numero di utenti e lo misuro sulla base di tutti gli utilizzatori di Internet, in Italia il rapporto è ben superiore a quello di altri Paesi, come Francia o UK. A livello generale, il 10% degli investimenti pubblicitari sul web vanno su mobile. Questa percentuale è attesa in salita al 15% nei prossimi nei prossimi 2-3 anni. Come si vede, le possibilità di crescita ci sono’. 

L’editoria tradizionale, quella cartacea, è al collasso mentre quella online è viva. Non poteva essere altrimenti. Oggi, e in futuro, la Rete sarà sempre più pervasiva. Le persone leggono le notizie anche su Facebook e Twitter, oltre che sulle sezioni News dei motori di ricerca, Google in primis.

Facebook è amato non solo dai singoli cittadini italiani ma anche dalle aziende. Del resto, è un trend diffuso in tutto il pianeta. Sono 70 milioni, nel mondo, le società che hanno una pagina Facebook; 5 milioni di esse usano tale social per farsi pubblicità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *