Cucina

Antonella Clerici viene ancora pagata per La Prova del Cuoco?

Le problematiche riguardanti La Prova del Cuoco non sembrano avere un miglioramento. Dopo l’evidente flop della prime puntate, con il cambio totale di cast e conduttrice, è emersa una nuova indiscrezione targata Tiscali News che potrebbe peggiorare ancor più il programma televisivo che ha fatto la storia della Rai. Intanto la Isoardi chiede scusa su Instagram e prova a migliorarsi, per cercare di cambiare la tendenza del programma.

Antonella Clerici continua a percepire uno stipendio per La Prova del Cuoco

L’indiscrezione riportata da Tiscali News ha messo in cattiva luce La Prova del Cuoco e ha provocato fibrillazione tra i fan che, dopo l’inizio negativo della Isoardi, sperano in un ritorno ai fornelli della storica conduttrice del programma culinario.

Stando a quanto riportato, Antonella Clerici percepirebbe – dalla Rai – uno stipendio totale di 2 milioni di euro per la trasmissione Portobello. Di questi, però, circa 230 mila le sono assicurati per il suo ruolo di consulente esperta a La Prova del Cuoco. Inoltre, la Clerici figura anche come autrice di testi non rientranti in genere SIAE.

Le critiche alla Isoardi e le sue scuse su Instagram

Intanto, la nuova edizione de La Prova del Cuoco ha raccolto tantissime critiche da parte dei fan storici della trasmissione e non solo, che hanno sottolineato l’enorme differenza tra Antonella Clerici e la Isoardi. La fidanzata di Matteo Salvini è oggetto della critica: anche una sua foto che la ritrae mentre ha una mano nei capelli è stata presa di mira, perchè gesto poco igienico in una trasmissione di cucina. 

Dal suo canto, la Isoardi prova a cambiare la tendenza del programma, cercando di trasformare l’iniziale flop in un successo a lungo termine. Su Instagram sono arrivate le scuse della conduttrice: “Grazie per l’affetto amici, stiamo lavorando per migliorare ed essere sempre più vicini e utili a voi, grazie anche per le critiche e i consigli.”

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.