Calvizie

By | 22 ottobre 2013

Calvizie: Esistono dei sistemi per far ricrescere i capelli?

La calvizie è una delle piaghe che maggiormente affliggono gli uomini dai 18 anni in su. Tantissima gente, arrivata a una certa età si ritrova davanti lo specchio a prendere dolorosamente atto che i capelli sulle tempie e sulla nuca sono andati via. Molto spesso questo è solo il primo passo di un percorso che conduce alla totale calvizie.

Ma perchè avviene ciò?

La principale causa di calvizie negli uomini è l’alopecia androgenetica, una malattia del capello ereditaria. Ci sono molti luoghi comuni che farebbero ricadere le cause della calvizie su fattori esterni da quello genetico: qualcuno afferma che usando il cappello cadano i capelli perchè la cute non respira, altri che siano le tinture a determinare la morte del follicolo e così via.
Nulla di tutto ciò, l’unica causa è l’ereditarietà, e la quinta alfa reduttasi che legandosi con l’ormone del testosterone uccide il follicolo, senza speranza di ricrescita.

Non c’è proprio nessuna speranza?

Ad oggi la medicina ha sperimentato alcuni farmaci per rallentare il processo di caduta, rinforzare i vellus (i capellini deboli, corti e sottili che delimitano i confini fra le aeree glabre e il cuoio capelluto) e in alcuni casi recuperare parte dello scalpo.
Gli unici due medicinali contro la calvizie veramente efficaci sono il minoxidil e la finasteride, il primo è un topico, il secondo va assunto in pillole. Le opinioni su entrambi sono contrastanti: c’è chi  è rimasto insoddisfatto, anche a causa delle aspettative a volte esagerate prima di cominciare la cura. Si tratta di farmaci, non di miracolosi unguenti magici e per quanto sia triste a dirsi su una testa totalmente calva non torneranno mai i capelli di un sedicenne.
Qualcun altro ha ravvisato effetti collaterali – scomparsi comunque al termine della cura – come il calo di desiderio o una maggior consistenza dello sperma.
Nella maggior parte dei casi finasteride e minoxidil assolvono al loro compito, cioè di rallentare la caduta e recuperare qualche  capello quando l’alopecia non è in uno stato particolarmente avanzato.

Si ma se sono totalmente calvo e rivoglio i capelli?

In questo caso, l’unico rimedio esistente è il trapianto di capelli. Si tratta comunque di un intervento chirurgico, quindi trapianto di capelliva pianificato con attenzione e insieme a esperti del settore. I migliori si trovano in Turchia e in Canada. Il nostro paese è rinomato al mondo per il suo cibo, per le sue bellezze, per i suoi artisti, ma non per i suoi trapianti. Se decidete di fare il grande passo il consiglio pertanto è di non puntare al risparmio ma alla qualità. Un chirurgo che dovesse fare un brutto lavoro potrebbe per sempre compromettere la speranza di riavere i capelli, o ancora ricrearvi un hairline innaturale.

Category: Salute

About Pamela Tela

Scrivo news giornaliere scegliendo quelle più interessanti per i lettori, amante del cinema e dei libri. Mi piace leggere e a volte anche correre :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.