Salute

Medicina di precisione: creata una banca dati del DNA

La medicina di precisione fa passi da gigante: e oggi si parla di banca dati del DNA. Il tutto parte da un team dell’Università di Oxford che ha deciso di fare una mappatura del genoma di circa 500 mila persone. Questo ovviamente rappresenta per il campo medico un gran bel passo in avanti che potrebbe garantire degli sviluppi per la lotta a patologie cardiovascolari, o anche disturbi come diabete, cancro, ictus e osteoporosi.

Medicina di precisione: la ricerca

Un team di ricercatori di origine inglese ha voluto mettere in piedi una super banca del Dna che possa conservare tutte le informazioni dell’intero genoma di 500 mila persone circa.

Stando a quanto hanno descritto gli esperti, la UK Biobank1 è per il mondo scientifico un grande successo che porta allo sviluppo e al progresso per il mondo della medicina di precisione. 

Sono stati non a caso dedicati ben due articoli sulla rivista Nature che mettono in evidenza come questa gran bella quantità di dati possa essere messa in uso praticamente nel settore biomedico. Questo al fine di scovare e utilizzare nuove strumenti contro le più comuni malattie come quelle cardiovascolari, ictus, cancro e diabete.

I passi in avanti della medicina di precisione

Il lavoro del gruppo di ricerca dell’Università di Oxford è pronto a mettere a disposizione per la medicina un valido aiuto pure nella lotta a ictus e osteoporosi.

Il genetista Giuseppe Novelli, rettore dell’Università di Roma Tor Vergata, ha così commentato la novità “E’ un lavoro molto importante, la prima grande risorsa sanitaria nazionale e internazionale basata sulle conoscenze genetiche specifiche delle persone, in rapporto alle loro caratteristiche e malattie”.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.