Olio d’oliva previene i tumori dell’intestino

0

Olio d’oliva che combatte e previene i tumori all’intestino. La ricerca è tutta italiana ed è stata condotta dall’università di Bari a sostegno dell’Airc. Vediamo insieme quali sensazionali proprietà contiene l’olio d’oliva.

La ricerca di Antonio Moschetta

La ricerca di Antonio Moschetta è stata effettuata presso il polo universitario di Bari. Lo studio è stato eseguito a sostegno dell’Airc, l’Associazione italiana per la ricerca sul cancro ed i risultati sono stati fenomenali.

Antonio Moschetta su dabitonto.com ha dichiarato che l’olio d’oliva riesce a regolare la formazione di cellule tumorali grazie all’acido oleico, che contiene al suo interno. Durante lo studio, Moschetta e i suoi collaboratori ha simulato stati alterati dell’intestino e hanno potuto osservare come un costante e uso quotidiano di acido oleico abbia agito e donato sollievo ai geni infiammati.

L’acido oleico e l’enzima SCD1

L’acido oleico e l’enzima SCD1 hanno una funzione complementare. L’enzima SCD1, presente nell’epitelio intestinale, regola la produzione nel nostro corpo dell’acido oleico e gli studiosi hanno provato a disattivarlo.

Lo staff medico ha visto che diminuendo la funzione dell’enzima SCD1, insieme alla scarsa somministrazione di acido oleico, si contribuisce alla formazione di tumori spontanei. Per questo motivo è bene aggiungere alla propria dieta quotidiana l’utilizzo dell’olio d’oliva al fine di ripristinare la normale funzionalità intestinale e ridurre così l’insorgenza del tumore.

L’olio d’oliva quindi dona benefici per il corpo e soprattutto nei soggetti che soffrono di infiammazione intestinali, così in questo modo si può rallentare il processo di proliferazione delle cellule tumorali e contrastare i disturbi intestinali. La ricerca tutti italiana è stata sulla importante rivista Gastroenterology.

Piperina e Curcuma in OFFERTA, Pagamento alla consegna GRATIS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.