Pignoramento Atac, Marino: “Azienda non si piega”

By | 1 novembre 2014

Il pignoramento che ha subito Atac (azienda di trasporto capitolina) ammontante a 77 milioni di euro, per una controversia con Roma tpl, ha fatto indignare il sindaco di Roma Ignazio Marino e l’assessore ai Trasporti, Guido Improta. I due si sono rivolti subito a Giuseppe Pignatone, procuratore capo di Roma.

Il Campidoglio ha fatto sapere che l’Atac “resiste in giudizio e non si spiega perché precedentemente non sia stata mai contestata la legittimità del ricorso al lodo e perché la giunta guidata da Gianni Alemanno non abbia operato per ridurre i rischi economici per Atac”.

“Ho deciso di consegnare al procuratore capo una memoria per metterlo al corrente dell’intera vicenda. Riteniamo, infatti, che l’azione che stiamo conducendo noi ora a difesa delle risorse pubbliche dovesse essere intrapresa dall’amministrazione precedente, che invece per qualche motivo che noi non conosciamo non ha ritenuto opportuno avviarle. Coerenza avrebbe voluto che a partire dal 2009 si fosse iniziato a programmare il pagamento di quanto stabilito dal collegio arbitrale”, ha dichiarato Ignazio Marino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.