7 italiani su 10 sopravvivono a un tumore: prevenzione importante

By | 2 maggio 2016

Tumori: aumenta sopravvivenza italianiIl tumore è ancora oggi una grave insidia ma il 70% degli italiani a cui è stato diagnosticato il brutto male è riuscito a sopravvivere

 

 

In Italia e nel mondo si riesce a sopravvivere di più, rispetto al passato, alle neoplasie per i grandi passi in avanti fatti dalla scienza e per la prevenzione. In passato, la diagnosi di un tumore equivaleva quasi a una condanna a morte. Il paziente aveva poche speranze di sopravvivenza. Oggi non è così, o meglio non è sempre così. I malati di tumore non devono abbattersi: il fattore psicologico è determinante per battere la patologia. Essere ottimisti aiuta nel lungo iter che conduce alla ripresa. Il cancro non rappresenta oggi un nemico imbattibile, anzi: lo dimostrano alcuni dati diffusi in questi giorni dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica. Sembra che 7 malati italiani di tumore su 10 riescano a debellare la patologia. Aiom ha anche ricordato che il 40% dei tumori potrebbe essere evitato se ognuno di noi si sottoponesse con regolarità a controlli medici. Insomma, la prevenzione è l’arma principale per sconfiggere il cancro.

Il 70% dei pazienti guarisce ma la percentuale aumenta per determinate neoplasie, come quella al seno. Sopravvive, invece, al tumore al colon-retto (neoplasia più diffusa tra gli uomini e le donne) il 64% dei pazienti. L’anno scorso, nel Belpaese, sono stati diagnosticati 363.000 nuovi casi di tumore: il dato è inquietante ma, pensando alle informazioni diffuse nelle ultime ore dall’Aiom, non bisogna rattristarci. Certo, i tassi di sopravvivenza per alcune neoplasie sono ancora bassi: solo il 16% dei pazienti, ad esempio, sopravvive in caso di tumore ai polmoni; mentre scende al 7% il tasso di sopravvivenza  dei malati di tumore al pancreas. Cancro ai polmoni e al pancreas rappresentano i due grandi killer in Italia.

loading...

La prevenzione, mediante il decremento dei fattori di rischio, è lo strumento più importante che ha l’uomo, al momento, per tenere alla larga i tumori. Non fumare, ad esempio, è una buona abitudine se non si vuole andare incontro a neoplasie come quella al polmone e alle vie respiratorie. Fondamentale, poi, curare la propria alimentazione, prediligendo cibi salutari, ed dedicare del tempo all’attività fisica. Forse non tutti lo sanno, ma la prevenzione contro i tumori si fa anche a tavola: esistono determinati cibi, infatti, che rappresentano dei veri antidoti naturali contro le neoplasie, come broccoli, aglio, cipolle, carote, carciofi, pomodoro, soia, curcuma, ravanelli, uvetta e yogurt. Secondo medici e nutrizionisti, il 30% dei tumori potrebbero essere evitati se sulle tavole arrivassero cibi anticancro. Ricapitolando: alimentazione salutare, esercizio fisico, e controllo del peso rappresentano le abitudini migliori per respingere il cancro. Purtroppo molte persone, oggi, mangiano male e fanno poco esercizio fisico. Ebbene, tali soggetti devono impegnarsi a muoversi di più ed assumere quotidianamente almeno cinque porzioni tra frutta e verdura, in modo da combattere i radicali liberi, che favoriscono l’invecchiamento cellulare. Sarebbe bene bandire dalla propria alimentazione le carni conservate e lavorate, prediligendo invece la carne bianca. Limitare al massimo, poi, il consumo di bevande alcoliche e zuccherate. Importanti per ridurre il rischio tumori, inoltre, sono le fibre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *