Alitalia, comandante vieta a diabetica di imbarcarsi: priva di certificato d’idoneità al volo

By | 14 dicembre 2014

Una diabetica che doveva recarsi a San Pietroburgo in aereo è stata costretta a rinunciare al volo perché non era in possesso di certificazione di idoneità al volo.

Stefano Valentini, marito della donna, ha raccontato che sua moglie non ha potuto imbarcarsi perché non aveva l’attestato d’idoneità al volo. Marito e moglie, ora, hanno intenzione di adire l’autorità giudiziaria qualora Alitalia non sia in grado di motivare il suo comportamento.

loading...

“E’ una situazione che ha dell’incredibile alle soglie del 2015. Chiediamo al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e al ministro delle Infrastrutture e trasporti, Maurizio Lupi, un pronto intervento per accertare come si siano svolti i fatti e le eventuali responsabilità. E’ fuori da ogni norma e logica che si possa oggi impedire l’imbarco di una persona con diabete per mancanza della ‘certificazione di idoneita’ al volo’, come sarebbe stato preteso dal comandante dell’aeromobile“, ha dichiarato il presidente dell’Associazione italiana diabetici (Fand), Egidio Archero.

“Questo quanto ci è accaduto presso l’aeroporto di Fiumicino il 2 luglio 2014 (volo AZ540). Avevamo comprato un biglietto per San Pietroburgo 5 mesi prima e quindi programmato la partenza con anticipo. Come sempre ci siamo attenuti alle regole sulla sicurezza e ci eravamo premuniti di un certificato medico per il trasporto dei medicinali (insulina e glucagone) per mia moglie, come previsto dalla normativa vigente. La mattina del 2 luglio ci siamo recati presso l’aeroporto di Fiumicino e qui, nonostante avessimo la certificazione per i medicinali e nonostante avessimo passato gli scrupolosi controlli di sicurezza prima dell’accesso ai gate, abbiamo visto negato il nostro imbarco a causa del rifiuto da parte del comandante dell’aereo in quanto sul certificato che avevamo non era ‘anche’ scritto che mia moglie era ‘idonea al volo’. A nulla è valso tentare di spiegare che non esiste un certificato di idoneità al volo per i passeggeri diabetici”, ha spiegato il marito della diabetica.

3 thoughts on “Alitalia, comandante vieta a diabetica di imbarcarsi: priva di certificato d’idoneità al volo

  1. daniele

    la compagnia aerea avrebbe dovuto informare prima di eventuali certificazioni da fare o meno e medicinali che si possono portare a bordo non all’ultimo momento

    Reply
  2. G.

    Io sono stato operato da “Sindrome di Arnold Chiari”. Ho viaggiato in aereo, ho sempre presentato, come espressamente richiesto, il certificato di idoneità al volo e non ho mai avuto problemi.

    Reply
  3. mario

    Un diabetico non è un invalido e non necessita di alcuna idoneità al volo: non è lui che deve pilotare l’aeromobile!
    Deve, invece, avere una dichiarazione, rilasciata dal proprio medico, per poter tenere con sè in cabina l’insulina e il necessario per il trattamento insulinico.
    Mia moglie, diabetica, non ha mai dovuto esibire null’altro. Mi piace cogliere l’occasione per segnalare che la compagnia portoghese TAP, lungi dal chiederle ridicoli attestati di idoneità al volo, le riserva, gratis, pasti adeguati alla dieta per diabetici.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *