Alito cattivo anche durante le feste: cause e rimedi

By | 26 dicembre 2017

Alito cattivo cause rimediNatale è passato, ma non sono passate le feste. Ci sono tanti altri giorni di festa e si mangerà tanto. Da un recente sondaggio è emerso che molti italiani si trovano in disagio quando devono scambiarsi gli auguri. Il motivo di tale imbarazzo è l’alito cattivo, che dunque colpisce anche durante le feste. L’alitosi è un disturbo che riguarda molte persone, giovani e meno giovani, anche se è indubbio che colpisce maggiormente con l’avanzare dell’età. Secondo recenti stime, circa la metà della popolazione soffre di alito cattivo.

Scarsa igiene orale

Perché si soffre di alitosi? Secondo gli esperti, nel 90% dei casi il motivo del disturbo è la scarsa igiene orale. Chi lamenta alitosi anche durante le festività natalizie, quindi, dovrebbe curare maggiormente la propria igiene orale.

Non sempre, comunque, l’alito cattivo è dovuto alla carente igiene orale. In tal caso bisogna recarsi dal medico per cercare di scoprire le ‘radice’ del disturbo che rischia di compromettere le relazioni sociali.

Nella maggior parte dei casi, l’alitosi viene trattata semplicemente: basta una corretta igiene orale o una regolare pulizia dentale.

Come sapere se si soffre di alitosi

Non è facile scoprire se si ha l’alito cattivo. Il rimedio più semplice è leccare all’interno del polso ed attendere qualche minuto per far seccare la saliva; poi bisogna annusare il polso. Se l’odore è nauseabondo, probabilmente lo sarà anche l’alito.

Durante le festività natalizie, c’è chi non cura molto la propria igiene orale e quindi diventa preda dell’alitosi. A Natale e durante le festività si tende a mangiare più del solito. Si assumono molti cibi, specialmente, dolciumi e se i denti non vengono lavati accuratamente c’è il pericolo di fare figuracce quando si parla con amici e parenti, o ci si scambia baci.

Ci sono svariate cause dell’alitosi, oltre alla scarsa igiene orale. Ecco un breve elenco di fattori che possono cagionare l’alito cattivo:

  • patologie sistemiche (ad es. disfunzioni epatiche e diabete)
  • malattie digestive
  • patologie respiratorie
  • consumo di aglio e cipolle
  • alcol
  • lattini
  • fumo
  • caffè
  • carie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.