Antonio Megalizzi in coma farmacologico: i medici attendono 48 ore

0
antonio-megalizzi-coma-farmacologico

La condizioni di salute di Antonio Megalizzi, giornalista e reporter italiano rimasto coinvolto nell’ambito dell’attentato di Strasburgo, non accennano a miglioramenti. Il giornalista si trova in coma farmacologico, in una situazione stazionaria che in questo momento lascia i dubbi sul da farsi: i medici aspetteranno ancora 48 ore prima di prendere qualsiasi decisione. Intanto sono tante le testimonianze di persone che credono nella ripresa di Megalizzi, ma sono consapevoli della gravità della situazione.

Antonio Megalizzi: il giornalista italiano in coma farmacologico

Antonio Megalizzi, giornalista italiano rimasto ferito nell’ambito dell’attentato di Strasburgo, si trova in coma farmacologico: le sue condizioni sono gravi, ma stazionarie. A riportare la situazione di salute di Megalizzi è stato il padre della sua fidanzata, che ha anche affermato che i medici attenderanno 48 ore prima di prendere qualsiasi decisione. Dello stesso avviso è anche un’amica del reporter, che ha confidato nella sua tenacia per una pronta ripresa.

Ben più gravi, invece, sono state le parole dell’eurodeputato leghista Mauro Borghezio, che ha visitato Antonio Megalizzi e la famiglia in ospedale, affermando che la madre del giovane ha ormai perso le speranze.

Marco Cenzato volerà a Strasburgo sabato

Marco Cenzato (presidente della Società italiana di neurochirurgia e primario all’ospedale Niguarda di Milano) è stato, intanto, contattato dalla famiglia di Antonio Megalizzi, e si recherà a Strasburgo sabato.

Il neurochirurgo ha già confermato la situazione così com’è stata presentata dalle altre testimonianze, dichiarando che una zona importante del cervello (adibita alle funzioni vitali) è stata particolarmente compromessa. Cenzato si è anche complimentato con il personale francese.

Piperina e Curcuma in OFFERTA, Pagamento alla consegna GRATIS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.