Scienze e tecnologia

Auto elettrica, costi e benefici

La società LeasePlan  ha calcolato quanto costa avere un’auto elettrica, un’auto a benzina e una a diesel allo scopo di valutarne la convenienza.

Auto elettrica in Italia, quanto costa?

Le auto elettriche stanno diventando abbastanza abbordabili economicamente parlando, ma in Italia resta ancora il divario tra quelle a benzina e diesel. E la differenza è tanta, coparata con gli altri Paesi Europei. Il costo medio mensile per il possesso di un’auto a benzina in Italia ammonta a 667 Euro, 628 Euro invece è il costo per un mezzo di trasporto a motore diesel.

Per quanto riguarda l’auto elettrica italiana, il prezzo è esorbitante:  986 Euro. Questi i valori riportati nello studio annuale Car Cost Index di LeasePlan, società specializzata nel noleggio a lungo termine e nella gestione delle flotte aziendali, sui costi di possesso dell’automobile.

Auto elettrica, cifre a confronto

Lo studio ha nmesso a confronto i dati di 21 Paesi dell’Europa, ma oltre a quelli nell’ambito UE si sono aggiunti Turchia, Svizzera e Norvegia. Il costo medio mensile per le auto nei 22 paesi presi in esame risulta di 536 Euro per le vetture a benzina, mentre per quelle diesel  523 euro. In conclusione, le auto elettriche richiedono 819 Euro al mese.

L’auto elettrica evidenzia la disparità dei costi di Nazione in Nazione per questo mezzo di trasporto. La Norvegia è forse un caso unico, visto che che i veicoli elettrici costano meno rispetto al quelli alimentati con altri carburanti. Ovviamente, il Belpaese ha il primato di avere il costo mensile di un’auto elettrica più alto rispetto agli altri.

L’Ungheria si aggira sui 597 Euro mensili, mentre Irlanda e Polonia concludono a pari merito con un 634 Euro. Olanda si classifica con 705 Euro, anche se gli analisti fanno notare che il costo tra essa e quella di una a benzina è veramente minimo: 2,76%.

Cosa comprende il costo di un veicolo elettrico

Il Car Cost Index di LeasePlan viene elaborato ogni anno allo scopo di tastare i mercati. Sono presi in considerazione i modelli di piccole e medie dimensioni. Da evidenziare che i costi calcolati e diffusi ai media tengono conto della spesa complessiva necessaria per il mezzo di trasporto, ossia carburante, imposte, ammortamento del veicolo, assicurazione e manutenzione. E già si riesce a intuire perchè l’Italia si classifica tra gli ultimi posti.

 

 

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.