Scienze e tecnologia

Come caricare batteria Smartphone

Oggi come oggi il cellulare, comunemente detto Smartphone, è un accessorio indispensabile considerato quasi un bene primario. Per questo motivo tra le più gravose preoccupazioni che le persone si pongono è quanta ancora può durare (nella giornata) la batteria del telefono. Vero è che i migliori smartphone di quest’anno hanno una potenza di batteria più consistente ma è importante comunque prendere precauzioni per non rimanere senza carica.

Non a caso infatti, oggi è molto in voga tra la gente munirsi addirittura di un caricatore portatile (anche detto power bank) o di tenere sempre con se l’alimentatore da spina. Capita però che un po’ per superficialità un po’ per fretta finiamo con il commettere molti sbagli durante il momento di ricarica che tra l’altro creano problemi alla salubrità della batteria.

Caricare batteria cellulare: quali consigli seguire

Ecco dunque che possono essere seguiti alcuni consigli durante il momento di ricarica cellulare per evitare di danneggiare la batteria del nostro caro dispositivo mobile.

Non costa davvero nulla spendere qualche momento in più per ricreare un’esatta routine che sia in grado di garantire nel tempo l’efficienza della batteria onde evitare che dopo poco tempo siamo costretti a cambiarla.

Uno dei suggerimenti da seguire per primo è quello di munirsi di più di un cavo per la ricarica. Sì, magari è una ulteriore (anche se piccola) spesa aggiuntiva ma è un gesto che consentirà di non rimanere mai senza un caricatore. Certo è che bisogna sempre optare soltanto per cavi ufficiali così da non provocare danni all’autonomia della batteria del telefono.

Quanto tempo caricare batteria Smartphone

Per far sì che la vita della batteria sia più duratura è importante stare attenti ai cicli di ricarica. Di solito sarebbe meglio evitare dei tempi di ricarica che durino troppo, pure se bisogna ammettere che negli Smartphone di ultima generazione, lasciare il telefono in corrente anche dopo aver totalizzato il 100% non è un problema chissà quanto enorme. Questo perché è previsto un sensore grazie al quale lo Smartphone una volta carico non accumula altra energia. Secondo degli esperti comunque, non bisognerebbe mai raggiungere il 100% di carica ma bisogna oscillare tra il 30% e l’80%. Questo in parole povere vuol dire: al 30% attaccare il telefono in carica, e staccarlo una volta raggiunto l’80%.

Come risparmiare energia quando carichiamo lo Smartphone

Se all’apparenza pare che la nostra batteria stia per abbandonarci ma non abbiamo prese a disposizione o Power Bank, si potrebbe magari risparmiare energia attivando la modalità risparmio energetico.

Pare infatti che, una volta messa in moto la funzione si riducano alcune prestazioni come la luminosità, non si effettuano più gli aggiornamenti automatici delle app e si avvierà il settaggio blocco schermo tra i 15 e i 30 secondi.

Ci sono inoltre dispositivi mobili che hanno pure la modalità super-risparmio energetico, che va a bloccare qualunque tipo di connessione. Se invece non si ha abbastanza tempo per effettuare una ricarica, mentre teniamo il cellulare in corrente si può tenere attiva l’opzione di Modalità Aereo attiva. In tal modo il cellulare impiega meno tempo ad accumulare energia.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.