La dieta alcalina

By | 10 dicembre 2014

Siete sicuri di conoscere nel dettaglio la dieta alcalina? Forse è un tipo di alimentazione che non avete sentito spesso, eppure i vantaggi offerti sono davvero innumerevoli. Calcolate che il regime alimentare è stato creato da Robert Young teso a impedire che nel sangue si sviluppi una concentrazione troppo alta di sostanze acide.
Il pH del sangue risulta dal calcolo di acidi e basi, quando il suo equilibro viene compromesso si è a rischio di un maggiore sovrappeso. Per questo motivo è consigliabile analizzare la dieta alcalina per capire quali vantaggi propone ai pazienti.
Impedire acidificazione del sangue
La dieta alcalina in sostanza serve per impedire l’acidificazione del sangue e riduce il rischio di numerose malattie come il cancro o i calcoli renali. Secondo Young le terapie classiche non servono a nulla, anzi la chemioterapia o la radio terapia, non fanno altro che eliminare le cellule cancerose.
Il dottore è convinto che non bisogna eliminare il sintomo ma la causa che lo scatena. Pensate che òl’80% degli alimenti in commercio è alcalino, quindi cosa fare?
Dieta alcalina cosa mangiare
Le persone che desiderano seguire una dieta alcalina possono mangiare di tutto, dalla barbabietola, alle carote, sedano, spinaci, cavolfiore, broccoli e zucca. Sì anche al tonno, salmone, trota e spigola e a diverse tipologie di frutta tra cui: mela, uva, datteri, fragole, mango, arance, pompelmo, avocado e ciliegie.
La dieta alcalina permette di consumare anche cereali e legumi ma è fondamentare un consumo giornaliero di liquidi superiore a due litri. Meglio bere acqua del rubinetto depurata e alcalinizzata con ionizzatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.