ll mondo del lavoro oggi: alta disoccupazione ma anche tante possibilità di mettersi in proprio

By | 10 aprile 2017

Oggi, a causa della crisi economica che ha investito anche il nostro Paese, trovare un’occupazione non è assolutamente facile. Il mondo, purtroppo, è cambiato e molti non se ne rendono ancora conto. Sono cambiate le regole del gioco: un giovane su tre sotto i 25 anni di età è disoccupato, e la situazione non migliora, se si prendono in considerazione i neo-laureati.

Le possibilità di occupazione nel 2017

Ed allora, che cosa è possibile fare per cercare di sbarcare il lunario ed entrare nel mondo del lavoro? Ogni giovane è un imprenditore di se stesso. Pianificare e costruire la propria carriera professionale è compito di ognuno di noi. Purtroppo, non esiste un manuale che ti spiega come costruire una carriera e avere una vita prosperosa nel mondo di oggi. L’incertezza è ovunque, sia nel nostro presente ma anche nel nostro futuro. Cosa bisogna, dunque, fare? Ci sono tantissime opportunità che si possono prendere in considerazione per creare qualcosa di nuovo: un modo di vivere, nonché di lavorare che sia adatto a questo nuovo mondo e che ci permetta, al tempo stesso, di realizzare ogni nostro sogno.
Ma per poter raggiungere il traguardo, occorre una forte determinazione, una buona dose di costanza e soprattutto tanta passione per ciò che si fa. Solo così si potrà ambire alla vetta del successo.

In un mondo dove regna l’incertezza, la disoccupazione, non bisogna guardare il problema ma cercare di affrontarlo. Creare un proprio reddito, al giorno d’oggi, è possibile. In che modo? La risposta sembrerebbe quasi scontata, ma non lo è: mettersi in proprio. Ci sono moltissimi settori in crescita, come l’informatica, la ristorazione e la manifattura.

I settori in crescita

Per il 2017, Netcomm prevede un’ulteriore crescita del 19% di questi settori. Il quadro è molto incoraggiante soprattutto per chi decide di investire nell’e-commerce. Infatti, nel nostro Paese, si prevede che in quest’anno, gli store online si avvicineranno ad un fatturato di circa 10 miliardi di euro. Pare che nei primi tre mesi del 2016, gli italiani che hanno fatto acquisti sul web sono stati 12 milioni. Da questi dati si può evincere come gli shop online possano davvero essere una grande opportunità di guadagno.

Mettersi in proprio può essere la soluzione?

In questo momento, uno dei settori che riesce a combattere la crisi economica è il franchising. Già proprio così! Ne abbiamo parlato con il portale www.lavoroefranchising.com : “Affiliarsi ad un marchio importante, può apportare dei vantaggi, non di poco conto. Creare sinergia e partnership con un brand aumenta la buona riuscita del progetto imprenditoriale, grazie alla guida di un’azienda che ha avuto già successo”.

Per chi è indicato il mondo questo tipo di settore?

  • per chi cerca idee imprenditoriali già affermate;
  • per chi vuole un supporto a 360 gradi;
  • per chi desidera minimizzare l’investimento senza inutili perdite di tempo e di denaro;
  • per chi crede in se stesso e desidera mettersi in gioco;

Per chi vuole aprire un franchising, è bene tenere in considerazione quanto segue: per scegliere il settore che fa al proprio caso è importante capire fin da subito quali sono le predisposizioni personali, gli obiettivi da raggiungere e soprattutto il guadagno che si vuole ottenere con questo genere di attività.

Per poter scegliere, al meglio, il franchisor è bene considerare:

  • gli anni di attività del brand
  • numero di affiliati
  • notorietà del marchio

I requisiti fondamentali per poter aprire un’attività in affiliazione con un brand sono i seguenti:

  • capacità imprenditoriale;
  • requisiti personali ovvero non avere precedenti penali o fallimenti alle spalle;
  • requisiti professionali, per il settore alimentare, ad esempio, bisogna aver frequentato un corso specifico con relativa certificazione idonea al settore merceologico alimentare riconosciuto dalla regione o da altri enti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *