Lotta Al Cancro, La Ricerca Va Avanti, Commuove L’Addio a Gaia Drovandi, di 27 anni

By | 18 aprile 2016
loading...

Non ti tocca, finche’, come un fulmine a ciel sereno, ruba la vita di coloro che ami. Il senso d’impotenza derivante da una malattia incurabile per coloro che, speranzosi, lottano giorno dopo giorno, accanto ai malati, appare straziante. Anche i familiari di Gaia Drovandi, 27 anni, di Quarrata, avevano sperato che Gaia fosse guarita. Stava meglio, prima di Pasqua; poi, il tracollo e la morte, dopo una lunga lotta contro un male incurabile che non aveva impedito a Gaia di continuare a credere nella vita. Nel 2010, a pochi mesi dalla prima operazione, si era laureata in Lingue E Letterature Straniere all’Università di Firenze. Aveva anche iniziato a lavorare nell’azienda tessile del padre. Sembrava star meglio quando, sei anni fa, si sottopose alla prima operazione. Il destino crudele ha spento il bellissimo sorriso di una 27enne piena di sogni e speranze. Un’amica, al funerale, ha asserito, commossa: “Oggi, un giorno troppo bello per dirti addio.”.

La ricerca contro il cancro va avanti serrata, anche tra le più feroci polemiche. Possibile che la bioingegneria non abbia ancora trovato un modo per far regredire i tumori? Vi sono interessi indicibili legati al mercato squallido delle industrie farmaceutiche? Pensate che in America la bio-ingegneria ha pensato ad una riprogrammazione delle cellule viventi; riprogrammare le cellule per “abituarle” alla lotta contro il tumore. In questo modo, esse assumeranno nuove funzioni e saranno in grado di rigenerarsi. Tecniche innovative, ancora da mettere a punto, ma che spianano la strada verso l’effettiva sconfitta di un male che atterrisce, sconvolge e spezza le vite di troppe persone che stimiamo, amiamo o conosciamo. Dobbiamo sperare, da cittadini onesti, nella ricerca. Sperare che possa, prima o poi, dare una risposta all’incurabilità di molti mali, per Gaia Drovandi e per tutte le anime belle che hanno patito ingiuste pene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *