News

Mamma uccide bambina e la nasconde in casa per intascare gli assegni

Bambina morta, nascosta in casa per cinque anni

bambina
Una mamma insieme al suo compagno uccide il proprio bambino e poi lo nasconde in una stanza della casa dove vivono insieme per ben cinque anni, al fine di intascare gli assegni rilasciati dal governo.

I due assassini vengono scoperti solo dopo che arriva loro un’ingiunzione di sfratto; in quell’occasione gli ufficiali giudiziari, inorriditi, hanno trovato il corpo della piccola Lucka ormai mummificato.

La corte ha dichiarato che Juraj Hrotak, 34 , ha regolarmente picchiato e fatto morire di fame la sua partner, Alexandra Hrotakova , e sua figlia, Lucka, che si ritiene sia morta a causa degli abusi subiti intorno al 2009.

Tre anni più tardi, il proprietario dell’appartamento della coppia a Bratislava, in Slovacchia, ha voluto che la coppia lasciasse l’appartamento, ma al rifiuto il proprietario ha chiamato la polizia e gli ufficiali giudiziari, il cui intervento ha portato alla scoperta del corpo della bambina.

La corte ha inoltre dichiarato la colpevolezza della madre, Alexandra Hrotakova, la quale non avrebbe fatto nulla per impedire che il figlio subisse gli orrendi trattamenti che lo hanno portato al decesso.

Adesso Hrotak è stato condannato a 17 anni di carcere per aver torturato la bambina e per aver abitato nell’appartamento per 18 mesi senza permesso. Hrotakova, 43 anni, è stata condannata a 14 anni di prigione perché ha fallito come madre e non ha protetto sua figlia.

Il presidente del tribunale distrettuale Michal Kacani ha detto: ” Juraj Hrotak ha causato la morte della bambina in modo molto brutale e l’ha torturata. ”

Il padre biologico di Lucka , Milano Luknár, 43 anni anch’egli, ha detto che dopo che Alexandra lo aveva lasciato per Hrotak, aveva portato la figlia a vivere con sé, ma era stato costretto dalla polizia a consegnarla ad Alexandra, a seguito di una denuncia.

Il caso ha inoltre provocato le critiche di massa in Slovacchia perché gli assistenti sociali non conoscevano la bambina scomparsa, soprattutto per il fatto che avrebbe già dovuto frequentare l’asilo.
Quando i vicini chiedevano dove fosse Lucka, sua madre diceva che era con la nonna o la zia nella città di Kosice. Altri vicini invece pensavano che fosse stata portata via dagli assistenti sociali.
Ida Zelinska consigliere del Child Welfare ha dichiarato: “La violenza sui bambini è la cosa peggiore. Le lunghe pene detentive per la coppia potrebbero in via potenziale proteggere altri bambini”.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.