Marò, Pinotti sbalordita da decisione autorità indiane: “Penseremo a come rispondere”

By | 17 dicembre 2014

La Corte Suprema indiana non ha voluto sottoporre al vaglio le richieste dei due marò.

Nello specifico, non è stata minimamente presa in considerazione la domanda di Massimiliano Latorre di estendere di altri 4 mesi il periodo di convalescenza in Italia, visto che a settembre è stato colpito da un brutto ictus.

L’atteggiamento delle autorità indiane fa sentire frustrato anche il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che si è detto “fortemente contrariato”.

“Reputo che questa sia una enorme ingiustizia nei confronti di due uomini, dei loro cari, dei militari e di tutto il popolo italiano”, ha asserito Paola Moschetti, compagna di Massimiliano Latorre, successivamente al rigetto della Corte indiana delle richieste per un addolcimento delle condizioni della libertà provvisoria dei marò italiani.

Riguardo al prossimo rientro di Massimiliano in India, Paola Moschetti ha detto: “Non abbiamo ancora assorbito il colpo”.

Il ministro della Difesa Roberta Pinotti ha così commentato la decisione della Corte Suprema indiana: “E’ una decisione grave, che non ci aspettavamo. Siamo vicini ai nostri militari e adesso penseremo a come rispondere”.

Ospite del programma “Porta a Porta”, condotto da Bruno Vespa, la Pinotti ha detto: “Massimiliano Latorre si deve curare qui in Italia, ce lo stanno dicendo i medici e non vedo quindi come possa tornare in India. Noi non ci muoviamo da questa posizione. Stiamo seguendo il caso insieme al premier e al ministro degli Esteri e mercoledì in Parlamento faremo il punto politico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.