Omicidio Stradale: Ok Senato, E’ Legge. Pene fino a 12 Anni

By | 3 marzo 2016

Reato Omicidio Stradale Incassa Ok Senato: E' LeggeIl Senato ha approvato il disegno di legge sull’omicidio stradale che, quindi, diventa legge. Le pene diventano pesanti per i pirati della strada che causano vittime

 

loading...

La nuova legge che introduce l’omicidio stradale nell’ordinamento italiano  prevede pene fino a 12 anni reclusione e aggravanti per chi si dà alla fuga o è privo di assicurazione o patente di guida. Il testo approvato è lo testo a cui diede l’ok oltre un mese fa la Camera, ad eccezione dell’approvazione di un emendamento che esclude l’arresto in flagranza per chi causa lesioni personali ma si ferma, presta assistenza alla persona ferita e collabora con le autorità. Il nuovo art. 589-bis prevede che il conducente di un veicolo a motore sia punito con la reclusione quando la condotta imprudente rappresenti la causa dell’evento mortale. La pena diventa più pesante (da 8 a 12 anni di reclusione) se il conducente ha assunto sostanze stupefacenti o alcoliche o se si tratta di conducente professionale. Il premier Matteo Renzi è felice per l’introduzione del reato di omicidio stradale nell’ordinamento italiano e scrive su Twitter:

“Per Lorenzo, per Gabriele, per le vittime della strada. Per le loro famiglie. L’omicidio stradale è legge. #finalmente”.

La pena può essere ridotta anche del 50% se la colpa del conducente non sia esclusivamente la causa dell’omicidio stradale; insomma, se l’imprudenza del guidatore non sia il solo motivo della tragedia. Se il veicolo è privo di assicurazione o il guidatore è senza patente o con patente ritirata o revocata, la pena sarà più pesante. Ovviamente, la pena aumenta fino al triplo se il conducente provoca la morte di più persone oppure il decesso di un soggetto e il ferimento di altri. Il legislatore, comunque, stabilisce 18 anni di reclusione come pena massima per l’omicidio stradale.

Sarà dura la vita anche per i pirati della strada che, dopo aver ucciso una o più persone si danno alla la fuga: la pena aumenta da un terzo a due terzi e, tuttavia, non può essere inferiore a 5 anni di reclusione.

Il Parlamento italiano ha cercato di fare giustizia alle vittime della strada e ai loro familiari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *