Personal coaching: stimolare le energie della mente

By | 15 novembre 2017

Cos'è il personal coach?“Volere è potere”, se la mente crede ed è fermamente convinta di poter raggiungere dei traguardi sicuramente è destinata ad arrivarci. Almeno così dovrebbe essere ma molto dipende da quanto è elevato il grado di motivazione che abbiamo. Un individuo sfiduciato, con un basso livello di autostima personale non è certo in grado di intraprendere un percorso del genere.

Se la fiducia o la volontà vengono a mancare, sarà molto difficile arrivare al traguardo che dobbiamo raggiungere. Immaginiamo per un attimo un professionista che riceve un incarico dal proprio datore di lavoro. Si tratta di elaborare un progetto piuttosto complesso ma non siamo convinti di poterlo portare a termine.

Il personal coaching potrebbe essere la soluzione al nostro problema, cerchiamo ora di capire di cosa si tratta. Un percorso per costruire un rapporto di fiducia che si crea tra il coach e il coaching. Il nostro istruttore della mente deve essere in grado di capire in tempi brevi quali sono le nostre paure e le nostre insicurezze.

Inizia quello che viene definito il “percorso della mente”, si deve entrare in un’ottica completamente diversa. Occorre superare un limite, c’è un obiettivo sfidante da portare a termine ma per farlo servono tenacia, costanza e grande determinazione.

Non siamo sicuri di essere in grado di portare a termine il compito che ci è stato dato. Abbiamo paura di fallire e di non riuscire ad arrivare al nostro obiettivo. Il coach interviene in questo scenario. Un professionista serio e preparato ma anche in grado di creare empatia.

Per prima cosa deve saper ascoltare la persona, comprendere in maniera attenta e puntuale le esigenze e anche le insicurezze. Per riuscire ad conseguire un risultato bisogna per prima cosa crederci. Essere in grado di superare le nostre paure e guardare avanti.

Il coach è un motivatore e conoscitore della mente e del carattere del proprio coaching, in grado di costruire un rapporto. Da quello si parte per riuscire a far raggiungere l’obiettivo. Per saperne di più vi suggeriamo questo portale di un personal coach di Bologna, dove approfondisce meglio le varie fasi del lavoro.

Il coaching a sua volta deve avere fiducia, deve capire che il coach è lì per lui, per aiutarlo in un processo di crescita.

Un rapporto basato sull’empatia e sulla fiducia reciproca. In realtà si cresce insieme, dalle paure e dalle insicurezze della persona il coach può imparare qualcosa anche su se stesso.

Aiutare una persona a superare certi limiti e a conseguire certi obiettivi vuol dire saper toccare la corde giuste. Un lavoro di dialogo, di mente e di profonda conoscenza della natura umana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *