Roberto Burioni bacchetta Salvini e Di Maio perché adulano no vax

By | 18 gennaio 2018

Burioni contro Di Maio e SalviniLuigi Di Maio, candidato premier del M5S, e Matteo Salvini, leader della Lega, hanno recentemente reso dichiarazioni sui vaccini che non sono piaciute al virologo Roberto Burioni. Sia Di Maio che Salvini, in sostanza, hanno appoggiato la convinzione dei no vax. ‘Un politico responsabile deve schierarsi con la scienza, non deve lisciare il pelo a quella parte di elettorato che reputa i vaccini pericolosi in base a superstizioni senza senso’, ha detto Burioni, incredulo per l’endorsement dei due politici alla non obbligatorietà delle vaccinazioni.

Politica non dovrebbe incensare i no vax

In Italia ancora la copertura è molto bassa. Burioni lo ha ribadito anche nelle ultime ore. Il docente di microbiologia e virologia del San Raffaele è diventato famoso per la sua crociata contro tutti coloro che sono contrari all’obbligatorietà dei vaccini. L’immunizzazione, per l’esperto, è determinante e la politica non dovrebbe incensare i no vax.

‘La copertura vaccinale per il morbillo è dell’87%, per l’esavalente e la poliomelite è del 93%. Dati tra i più bassi del mondo occidentale, se si pensa che la soglia minima di sicurezza è del 95%’, ha affermato il noto virologo, spiegando poi che le nazioni che non prevedono l’obbligatorietà delle vaccinazioni sono quelle dove sussiste già una formidabile copertura.

‘Prenda la Svezia, con un tasso di copertura del 98%. Che bisogno ha di introdurre l’obbligatorietà? Da loro fanno notizia 22 casi di morbillo. Quando noi nell’ultimo anno ne abbiamo avuti quasi 5mila’, ha aggiunto Burioni.

Il monito di Burioni alla politica

Cosa si sente di dire il docente ai politici, in questo momento pre-elettorale? ‘Il mio maestro, 40 anni fa, fumava in classe. Oggi nessun professore si sognerebbe di farlo. Merito di una nuova sensibilità, che però è stata possibile solo grazie a una legge che ha proibito di fumare in classe’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *