Silvio Berlusconi ricoverato in ospedale per malore al cuore

By | 7 giugno 2016

Niente malore per Silvio Berlusconi, solo un controllo, tra l’altro programmato. Lo sottolineano fonti vicine all’ex premier, dopo la diffusione della notizia relativa a problemi di salute. Effettivamente, Silvio Berlusconi ha avuto uno scompenso cardiaco, giorni fa, e per questo ha ritenuto recarsi all’ospedale ‘San Raffaele’ per sottoporsi ad accertamenti.

Auguri di una pronta guarigione da amici e colleghi

Nessun malore per Silvio Berlusconi, solo esami per verificare le sue condizioni di salute, visto che non ha più 20 anni. Il Cavaliere passerà qualche giorno nel nosocomio meneghino e sarà monitorato dal suo medico di fiducia, Alberto Zangrillo, e dal suo staff. Zangrillo ha detto nelle ultime ore:

“La definizione diagnostica e le strategie terapeutiche saranno affrontate nei prossimi giorni”.

Il leader di Forza Italia ha ricevuto già molti messaggi di sostegno da parte di amici e colleghi. Maurizio Lupi, ad esempio, ha asserito durante una conferenza stampa a Milano incentrata sui risultati delle elezioni amministrative di domenica:

“Vogliamo fare gli auguri al presidente Berlusconi di una pronta guarigione. Gli siamo vicini con l’affetto e la stima che da sempre ci legano”.

Ex premier ottimista su risultati elezioni amministrative

loading...

Il ricovero di Berlusconi è arrivato pochi giorni dopo le elezioni amministrative che, tirando le somme, hanno avuto un sapore agrodolce per Forza Italia. Nonostante il flop a Roma, dove al ballottaggio sono finiti il M5S e il Pd, Berlusconi non è deluso dei risultati. Sembrerebbe strano ma è così. Pare che il leader di Forza Italia abbia detto ai suoi che la partita è ancora aperta a Bologna, Napoli e Milano, e che il Pd non ha trionfato al primo turno in nessuna città. Riferendosi alla disfatta a Roma, invece, il Cavaliere avrebbe parlato di lezione per due “ragazzini” (Meloni e Salvini, ndr) che sono voluti scendere in campo da soli e non uniti. In realtà, gli stessi leader della Lega Nord e di Fratelli d’Italia avevano chiesto a Berlusconi di correre uniti a Roma, e convergere tutti su un’unica candidatura, quella di Giorgia Meloni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *