News

Tubercolosi piaga mondiale: rischiano bimbi e adolescenti

tubercolosi-italia-mondo-antibioticiLa tubercolosi non è stata sconfitta, anzi ogni anno colpisce molti ragazzi e bimbi, specialmente nelle nazioni povere. Secondo recenti stime, la patologia colpisce annualmente, nel mondo, circa 2 milioni bimbi e ragazzi tra i 10 e i 24 anni. La fascia d’età più bersagliata è quella tra i 20 e i 24 anni. La tubercolosi è una piaga anche in Italia. Due anni fa, ad esempio, ha colpito 680 giovani tra i 15 e i 24 anni.

Il contagio sussiste ancora

Kathryn Snow, studiosa dell’università di Melbourne (Australia) ha voluto esaminare a fondo la tubercolosi e la sua incidenza, dividendo la giovane età in 3 gruppi: 10-14 anni, 15 -19 anni e 20-24 anni.

La Snow, al termine della sperimentazione, ha detto: ‘Nel lavoro non abbiamo eseguito stime per singolo Paese ma solo per area geografica. Se guardiamo agli ultimi dati disponibili dell’Organizzazione Mondiale della sanità, dati non usati nel nostro studio, si vede che in Italia nel 2016 sono stati trattati per tubercolosi 680 pazienti di 15-24 anni. Pensiamo che il rischio di tubercolosi aumenti nell’adolescenza per un mix di fattori biologici e sociali. Al contrario dei bimbi di 0-4 anni, i giovani spesso sviluppano forme infettive della malattia e frequentemente hanno un più ampio range di contatti sociali al di fuori del proprio contesto familiare. Di conseguenza, oltre a soffrire di più di tubercolosi, adolescenti e giovani adulti contribuiscono al continuo contagio’.

L’esperta australiana ha osservato che in Europa, ogni anno, vengono mediamente diagnosticati 46mila casi di tubercolosi. In tutto il mondo, invece, i nuovi casi di tubercolosi sono circa 3 milioni l’anno. E’ necessario, alla luce di tali dati, promuovere campagne di prevenzione perché tale patologia può seriamente compromettere il percorso scolastico e lavorativo.

‘Sebbene l’incidenza (i nuovi casi ogni anno) della tubercolosi stia diminuendo a livello globale, tale evoluzione avviene ancora lentamente, e davvero molto resta da fare per controllare la malattia’, ha aggiunto la Snow.

Tubercolosi: sintomi

A causare il contagio della tubercolosi è il batterio Mycobacterium tuberculosis. Basta un po’ di saliva o un colpo di tosse per infettare una o più persone. Un malato di tubercolosi, se non curato in maniera adeguata, può contagiare fino a 15 persone l’anno.

I sintomi tipici della tubercolosi sono dimagrimento, dolore al torace, febbre, tosse e sudorazione abbondante. I medici, per curare la patologia, ricorrono agli antibiotici, come rifampicina, etambutolo e isoniazide.

Join The Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.