Tunnel carpale: intervento chirurgico unica via per eliminarlo

By | 22 dicembre 2017

Tunnel carpale convalescenzaLa sindrome del tunnel carpale non va via da sola, non è un raffreddore o un malessere simile. L’unico modo per eliminarla è l’intervento chirurgico. Chi è affetto da tale sindrome e sta pensando all’operazione non deve temere, però, in quanto l’intervento viene eseguito rapidamente. La funzionalità della mano e del polso si riacquista in tempi brevi. Lo assicura anche Alberto Lazzerini, coordinatore dell’Unità operativa di chirurgia della mano presso Humanitas.

Intervento dura circa 10 minuti

‘Se viene eseguito (l’intervento chirurgico, ndr) con una tecnica mini-invasiva, l’intervento richiede circa 10 minuti. Da subito il paziente potrà muovere la mano’, spiega il dottor Lazzerini.

Quando intervenire chirurgicamente? Quando i sintomi tipici (dolore, indolenzimento e formicolio delle prime tre dita della mano) sono così forti da rendere arduo svolgere le normali attività quotidiane.

Chi accusa i sintomi tipici della sindrome del tunnel carpale deve recarsi da un medico, che analizzerà la situazione e verificherà la presenza degli estremi per un intervento chirurgico.

Il danno al nervo mediano

Il medico generalmente sottopone il paziente a un intervento chirurgico quando accerta la lesione del nervo mediano.

Durante l’operazione il nervo mediano viene liberato dal tunnel carpale; insomma viene eliminata la compressione fastidiosa.

Non ci vuole molto, dopo l’intervento chirurgico, per recuperare la funzionalità della mano. La tempistica è comunque dipendente dal metodo usato.

La convalescenza

L’esperto Lazzerini spiega che attraverso ‘un intervento tradizionale di chirurgia aperta i tempi per il recupero si allungano, mentre con la tecnica mini invasiva, in endoscopia o meno, si accorciano sensibilmente; ad esempio, grazie a questa tecnica, il paziente dovrà tenere il braccio a tracolla o in posizione elevata solo per uno o due giorni e non sarà necessario indossare alcun tutore, utile invece con la chirurgia tradizionale’.

Lo specialista italiano assicura che, nei giorni successivi all’intervento chirurgico, il paziente con tunnel carpale può eseguire normalmente attività che, a un certo punto, era diventate tabù, come scrivere e mangiare. Chiaramente, bisogna evitare gli sforzi. E’ caldamente sconsigliato, ad esempio, sollevare pesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.